Pochi i richiami   con AstraZeneca  Prime dosi, siamo a 100 mila
La campagna va avanti positivamente in tutta la provincia (Foto by lisignoli)

Pochi i richiami

con AstraZeneca

Prime dosi, siamo a 100 mila

Su 700 under 60 chiamati per la seconda dose, solo il 10% ha confermato il vaccino già inoculato

Superate domenica le 100mila prime dosi di vaccino inoculato in provincia di Sondrio. Per la precisione siamo a 100.435, su un totale di aventi diritto pari a 153.874.

Il 65,27% della popolazione target ha ricevuto, quindi, la prima somministrazione, mentre meno della metà sono i richiami, 45.821, anche se andranno a rimpinguarsi a stretto giro di posta.

È persino emblematico osservare come la macchina sia flessibile al punto tale da riuscire a fronteggiare ogni evenienza. A rimpiazzare, in un attimo, persone che non si presentano, attingendo a liste di riserva e, ieri, questo è accaduto spesso, a Chiavenna, dove eravamo presenti, ma accade, quotidianamente, in ogni hub vaccinale.

E a garantire, ad esempio, a tutti gli under 60 che lo volessero, di ricevere il richiamo ancora con AstraZeneca.

«Su 700 cittadini under 60 programmati nei centri vaccinali di Sondalo, Sondrio, Morbegno e Chiavenna per sabato e domenica scorsi - precisano da Asst - circa il 10% ha chiesto di ricevere ancora AstraZeneca, mentre mercoledì scorso, quando non era ancora possibile l’opzione, su 154 persone, in sette hanno rifiutato l’eterologa. Venerdì sera, non appena ci è giunta comunicazione che potevamo proporre anche AstraZeneca come richiamo agli under 60, abbiamo rifornito i centri vaccinali anche di questo prodotto.

Salvo poche eccezioni, chi lo ha voluto, lo ha trovato già sabato, diversamente abbiamo richiamato le persone per domenica. Questo giovedì ci sarà l’ultima seduta, con circa un centinaio di utenti, tra under e over 60, da vaccinarsi con AstraZeneca».

Sulle 14mila le sedute vaccinali programmate per questa settimana da Asst Valtellina e Alto Lario, sono cinquemila, infatti, quelle dedicate ai richiami, fra cui quelli in corso di somministrazione agli under 60, che solo nel 10% dei casi hanno rifiutato l’ eterologa chiedendo di essere sottoposti ad AstraZeneca.

Il cerchio della vaccinazione si chiuderà ancor più da lunedì prossimo, quando partiranno i richiami con AstraZeneca per gli over 70 vaccinati a partire dal 12 aprile scorso, data di avvio, si ricorderà, della campagna massiva.

Ed è importantissimo che il ciclo si completi per far fronte alla pressione da variante “Delta”, purtroppo, già alle porte. È attesa, invero, per fine estate-inizio autunno, però, prima ci si corazza, a questo punto, e meglio è.

E i più “corazzati”, in provincia di Sondrio, sono i cittadini della piccolissima Pedesina, dove la copertura per prima dose è, già, all’83,33%, con 25 vaccinati su 30, seguita da Spriana, all’81, 36%, con 48 vaccinati su 59.


© RIPRODUZIONE RISERVATA