Pini marittimi, Sondrio si trasforma  Nuovi alberi prenderanno il loro posto
Via Trento ha cambiato volto senza i pini marittimi che costeggiavano il marciapiede

Pini marittimi, Sondrio si trasforma

Nuovi alberi prenderanno il loro posto

Dopo Piastra e quartiere Est ora si taglia in centro, via Gramsci e via Europa. Verranno piantumati presto aceri e liriodendri le cui radici non provocano danni all’asfalto.

Per ora spariscono i pini marittimi, poi quando il clima lo consentirà arriveranno le nuove piante. In questi giorni procedono a pieno ritmo le operazioni di abbattimento previste dal progetto del Comune per riqualificare diversi viali alberati, alla Piastra e nella zona est della città: obiettivo, come spiegato a suo tempo dall’assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera, sostituire i pini con piante che non provocheranno i problemi alla pavimentazione e i rischi legati al maltempo emersi più volte negli anni. In passato il Comune era già intervenuto su alcuni tratti di strada soprattutto nel quartiere sud-ovest, proprio per risolvere in via definitiva i guai creati periodicamente dalla crescita delle radici dei pini, e nell’autunno scorso la nuova amministrazione ha preparato un piano con un budget di 40mila euro per la sostituzione dei pini in vari quartieri.

Ma nella prima fase l’intervento sarà praticamente a costo zero per il Comune, visto che del taglio degli alberi si sta occupando una ditta valtellinese, l’impresa boschiva Pellegatta di Mello, che anziché richiedere un compenso monetario utilizzerà il legname ricavato dai pini per produrre cippato. In via Donatori di sangue il taglio delle piante è stato completato in settimana, così come nella zona di via Gramsci e via Torelli, mentre in via Europa mancano ancora alcuni alberi da abbattere nei pressi della Motorizzazione, dove il filare di piante verrà “sfoltito”.

Ovviamente senza i pini marittimi l’aspetto delle strade interessate è cambiato parecchio, come hanno notato – e segnalato – numerosi cittadini, ma si tratta di un panorama decisamente provvisorio. La fase successiva dei lavori riguarderà infatti l’eliminazione dei ceppi rimasti nel terreno per fare spazio alle nuove piante, che verranno messe a dimora non appena il clima lo consentirà. Lungo via Gramsci e via Torelli verranno piantati 22 aceri, in continuità con l’intervento già realizzato negli anni scorsi dalla precedente amministrazione, mentre in via Donatori di Sangue e in via Don Guanella (dove i pini sono stati abbattuti già da tempo) troveranno spazio dei liriodendri, noti anche come “alberi dei tulipani”. Si tratta di piante già presenti in altre zone della città, con radici che crescono in profondità e non in ampiezza, il che consentirà di prevenire futuri danni alla pavimentazione. In via Trento e piazzale Valgoi, dove nei giorni scorsi sono stati tagliati altri nove pini marittimi, sarà poi il Credito Valtellinese ad occuparsi della piantumazione dei nuovi alberi, in base ad un accordo con il Comune stretto nelle scorse settimane. Una volta ultimati i lavori per mettere a dimora le nuove piante, infine, nella zona sud-ovest e in via Europa verranno sistemati i tratti di asfalto e i cordoli che presentano danni creati dalle radici dei pini marittimi abbattuti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA