Piastra, lavori rinviati a Sondrio. Sì ai nuovi spogliatoi per il PalaScieghi-Pini
Nuovi spogliatoi in arrivo per il PalaScieghi-Pini di Sondrio (Foto by archivio)

Piastra, lavori rinviati a Sondrio. Sì ai nuovi spogliatoi per il PalaScieghi-Pini

Modificato il programma delle opere pubbliche. Fondi aggiuntivi per le manutenzioni straordinarie. I soldi area camper spostati sulla bretella di viale Stadio

Progetti del bando periferie spostati nel 2019 e 2020, fondi aggiuntivi per le manutenzioni straordinarie, nuovi spogliatoi per il palazzetto Scieghi-Pini e l’impiego dei fondi prima previsti per l’area camper sulla nuova bretella fra viale Stadio e via Valeriana.

Sono queste le modifiche principali che la nuova amministrazione comunale ha apportato al programma delle opere pubbliche con l’adeguamento sottoposto venerdì sera alla commissione consiliare competente, una variazione che mette in gioco cifre consistenti soprattutto per lo spostamento dei lavori alla Piastra, che vengono «riallocati» dal 2018 alle prossime due annualità, ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera presentando il provvedimento.

Ammonta ad un milione di euro, invece, la cifra inserita per un nuovo intervento, la sistemazione del fosso colatore in zona Agneda: si tratta di un’opera già studiata da tempo dalla Regione, ha spiegato Massera, che il Comune eseguirà direttamente, utilizzando fondi stanziati dal Pirellone, come già proposto dalla passata amministrazione. Obiettivo, migliorare la gestione delle acque nella zona est, «con il ripristino dello sbocco in Adda del fosso, spostato anni fa per la costruzione della tangenziale, attraverso tubazioni interrate che faranno defluire le acque nel punto originario», ha chiarito l’assessore.

Altra nuova opera prevista per quest’anno è la ristrutturazione completa degli spogliatoi del palazzetto di via Aldo Moro, con uno stanziamento di 150mila euro «per rispondere ad un’esigenza emersa già da qualche tempo», mentre fra 2018 e 2019 vengono inseriti i fondi aggiuntivi sull’Aqst, 800mila euro che verranno utilizzati per il ripristino di marciapiedi e la realizzazione di nuovi posteggi alla Cà Bianca, a Ponchiera e a Sant’Anna.

Altre opere vengono invece stralciate, con i relativi fondi destinati alle manutenzioni straordinarie: è il caso della ristrutturazione del “Castelletto” vicino all’Adda, lungo il sentiero Valtellina, prima prevista con una spesa di circa 40mila euro, e della costruzione di un posteggio in via Stelvio, vicino all’incrocio con via Donegani, con costo preventivato di 250mila euro.

«Sul triennale i fondi per le manutenzioni straordinarie vengono appostati circa 400mila euro in più», ha evidenziato Massera. Fra gli interventi già programmati, i fondi previsti per l’area camper – 250mila euro – vengono spostati sulla nuova bretella stradale fra viale Stadio e via Valeriana, «che prevista nel programma ma senza finanziamenti certi». Una decisione che lascia perplessi i gruppi di minoranza del centrosinistra, come ha spiegato il consigliere del Pd Michele Iannotti: «Sull’area camper c’è un progetto in fase avanzata, studiato coinvolgendo ampiamente anche gli utilizzatori – ha affermato -, una struttura del genere in una zona strategica è importante per il rilancio del turismo di cui tanto si è parlato in campagna elettorale. La bretella nella zona dello stadio è altrettanto importante, ma le risorse si potevano recuperare anche in altri modi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA