Piano d’investimento: «Ecco i finanziamenti delle banche a Secam»
L’assemblea dei soci di Secam del 25 giugno

Piano d’investimento: «Ecco i finanziamenti delle banche a Secam»

I quattro istituti di credito già interessati hanno ora deliberato la concessione dei nuovi fondi. Intanto avviata la ricerca di un direttore finanziario.

Ci sono i fondi per il piano degli investimenti e presto ci sarà anche un direttore finanziario. Arrivano dalla riunione del consiglio di amministrazione di martedì le ultime novità per Secam, la società interamente pubblica (la proprietà è in capo a Comuni, Comunità montane e Provincia) che si occupa di rifiuti e servizio idrico integrato per le realtà municipali di Valtellina e Valchiavenna.

Notizie importanti che riportano il sereno dopo le preoccupazioni emerse prima e durante l’assemblea dei soci di fine giugno che aveva portato alle dimissioni del direttore Andrea Mariani. «Il Cda presieduto da Massimo De Buglio - si legge nella nota ufficiale diramata da Secam - ha affrontato le questioni relative ai finanziamenti a sostegno degli investimenti del prossimo triennio e all’individuazione del direttore finanziario. Sono stati lo stesso presidente e l’amministratore delegato Gildo De Gianni ad illustrare ai consiglieri l’andamento delle trattative con i quattro istituti di credito (Mediocredito Italiano, Ubi Banca, Banca Popolare di Sondrio e Credito valtellinese) che hanno deliberato la concessione di nuovi finanziamenti e, per quanto riguarda le due banche locali, il riscadenziamento a più lungo termine dei finanziamenti già in corso». Proprio martedì, De Buglio, De Gianni e il direttore Mariani si sono incontrati con i responsabili di Mediocredito Italiano, società del Gruppo Intesa San Paolo, nella storica sede Ca’ de Sass di via Monte di Pietà, a Milano, per definire tempi, modalità e condizioni dei contratti di finanziamento. «Questi ultimi, stipulati bilateralmente con ciascun istituto - si legge ancora nella nota -, saranno oggetto di uno stretto coordinamento fra gli istituti nella definizione delle garanzie a sostegno delle operazioni di finanziamento. Analoghi incontri dei vertici di Secam sono programmati per i prossimi giorni con le altre tre banche che hanno deliberato la concessione dei finanziamenti per il piano industriale triennale della società approvato all’unanimità dai soci nell’assemblea del 25 giugno scorso».

L’altra novità riguarda l’affidamento dell’incarico alla società Experis-Manpower per la selezione della nuova figura di direttore finanziario che, insieme ai finanziamenti, è considerata prioritaria dal Cda. Il bando per l’individuazione della nuova figura prevede tempi molto stretti: la volontà condivisa è che il direttore finanziario possa essere operativo già da ottobre.

«Ritengo assolutamente importante il reperimento di questa professionalità che già il precedente Cda aveva condiviso e deliberato nell’ottobre scorso - sottolinea De Gianni -, soprattutto in relazione alla gestione dei rapporti con le banche finanziatrici. Il direttore finanziario dovrà inoltre occuparsi di una puntuale programmazione e verifica dei flussi di cassa e implementare un efficiente sistema di controllo di gestione, in stretta collaborazione con il consiglio, l’amministratore delegato e il direttore Mariani».


© RIPRODUZIONE RISERVATA