Pericolo valanghe: decisa la chiusura di Foscagno e Gallo
Tra le 23 e la mezzanotte di ieri sono caduti 40 centimetri di neve: ecco la situazione stamattina

Pericolo valanghe: decisa la chiusura di Foscagno e Gallo

In un’ora soltanto scesi a Livigno 40 centimetri di neve. Stop allo sci di fondo nel tratto tra il Camino e la Forcola

Passo del Foscagno e del Gallo chiusi per pericolo valanghe. Sono le conseguenze della nevicata e del maltempo del fine settimana a Livigno e in Alta Valle.

La statale 301 del Foscagno è chiusa da stasera alle 21 fino a domattina alle 6 da Arnoga a Trepalle. Per quanto riguarda il tunnel che conduce in Svizzera la decisione è stata presa dalle autorità elvetiche per il rischio nel loro territorio. Quaranta centimetri di neve sono caduti dalle 23 alla mezzanotte di sabato a Livigno.

Stamane il primo cittadino ha firmato l’ordinanza di chiusura del tratto della pista di sci fondo dal ristorante Camino alla Forcola, la zona storicamente più predisposta al pericolo valanghe. Una decisione presa dopo che il centro Nivometeorologico di Bormio aveva dato a rischio 4 forte il pericolo di distacco valanghe. Dopo la fitta nevicata della notte oggi si è infatti aggiunto il vento che, seppure non sia riuscito a bloccare l’attività degli impianti di risalita, è però l’alleato principale della neve fresca per provocare il distacco di valanghe.

Proprio per il timore valanghe nel tratto da Zernez a Tschierv le autorità svizzere hanno chiuso il Passo del Gallo. Ora la speranza del primo cittadino è che i divieti siano rispettati e che nessuno, come purtroppo accaduto più volte negli ultimi anni, cerchi di sfidare il destino e si avventuri nella zona proibita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA