Pedesina, il segreto per viver bene
Il servizio che “Venerdì di Repubblica” dedica a Pedesina

Pedesina, il segreto per viver bene

La stampa nazionale celebra il piccolo borgo dei «pochi e felici» Ma i giovani non mancano

«Siamo un piccolo centro di montagna, una realtà singolare per chi viene dai centri cittadini. Il fatto di avere una popolazione che, seppur esigua, conta numerosi giovani può essere un vantaggio per il futuro. Questo è il nostro auspicio».

È quanto sostiene Valentino Maxenti, sindaco di Pedesina che ad oggi conta 40 abitanti ed è al centro dell’attenzione anche di un servizio pubblicato oggi nel “Venerdì di Repubblica” che lo dipinge come un paese di “pochi e felici”, dove ciò che manca in servizi e opportunità è quasi un valore aggiunto e dove le seconde case basterebbero per 800 abitanti.

L’articolo si sofferma sulla crescita demografica che recentemente, con la nascita di Tommaso Canazza avvenuta poco più di due mesi fa, ha portato a 40 il numero degli abitanti del paese risalendo di quattro posti nella classifica dei Comuni più piccoli d’Italia.

La crescita della popolazione prosegue da alcuni anni ed è passata da 30 a 40 abitanti in 5 anni.

Quello dello spopolamento, ma anche dell’invecchiamento della popolazione, è tra i problemi maggiormente sentiti dai centri montani e dalle aree marginali: «Sarebbe positivo se giovani coppie scegliessero Pedesina come luogo in cui vivere – afferma il sindaco Maxenti – anche se in effetti questo non è accaduto se non in rari casi negli ultimi anni. Sappiamo quali sono le difficoltà di vivere in una valle alpina e non tutti sono disposti a sostenerle, ma ci sono anche i vantaggi di vivere un ambiente unico e una realtà fatta di piccole cose».


© RIPRODUZIONE RISERVATA