Passaggi a livello: «Occasione persa  per il Comune di Teglio»
Il passaggio a livello in località Nigola a San Giacomo

Passaggi a livello: «Occasione persa

per il Comune di Teglio»

Nota critica dell’“avversaria” del riconfermato primo cittadino riguardo all’accordo per eliminarne otto in Valle

«Peccato che Teglio non si sia unito agli altri Comuni e abbia perso - ancora una volta - l’occasione per raggiungere un obiettivo così importante per il bene e la sicurezza della sua comunità». Parla Lucia Codurelli, candidato sindaco della lista “Comune di tutti” alle elezioni di Teglio del 10 giugno che sono state vinte dal sindaco uscente Elio Moretti.

Seppure il nuovo consiglio non si sia ancora riunito e non sia stata fatta la convalida degli eletti, Codurelli – che ha già annunciato che farà parte di una minoranza propositiva per il bene del territorio – ha affidato ieri ad una nota stampa il suo parere in merito all’importante accordo che, mercoledì scorso, è stato raggiunto in Prefettura: la chiusura di otto passaggi a livello in provincia (cinque a Villa, uno a Colorina, uno a Forcola e uno a Berbenno).

«Con grosso rammarico notiamo l’assenza di Teglio - fa sapere Codurelli -, nonostante esista una delibera emanata a fine mandato che prevede la chiusura del passaggio a livello all’altezza della località Nigola. Quanto balza agli occhi di chi vuol vedere, è il risultato del Comune di Villa di Tirano, che ha presentato un progetto di massima comprensivo di opere riguardante la chiusura di cinque passaggi a livello riuscendo a spuntare la bellezza di 1 milione e 600 mila euro: un ottimo risultato raggiunto grazie alla capacità di negoziazione».

Il sindaco di Teglio (che ieri non è stato possibile contattare) aveva lavorato nei mesi scorsi per la soppressione del passaggio a livello a Nigola a San Giacomo e aveva inserito nel bilancio di previsione triennale (per l’annualità 2019) la messa in sicurezza del passaggio a livello sulla strada statale 38, quasi al confine con Chiuro, per un importo complessivo di 250mila euro. Il passaggio a livello preso in considerazione è quello che si trova, scendendo verso Sondrio, prima del laghetto di pesca sportiva di Chiuro e che conduce al silos dell’impresa Tornadù.

Un punto pericoloso, questo, sia per i mezzi pesanti che dalla strada oltre la ferrovia devono imboccare la statale sia per i veicoli che circolano sulla strada. Due le ipotesi che sono state ventilate negli incontri con gli enti: chiudere il passaggio a livello in questione andando a potenziare quello precedente (di fronte al panificio Bresesti) oppure mantenere il passaggio a livello attuale realizzando una rotonda un po’ dopo, nei pressi dell’incrocio in località Fracia (in Comune di Chiuro).


© RIPRODUZIONE RISERVATA