Passaggi a livello a Villa, lo smantellamento porterà una nuova via
Qui il passaggio non sarà chiuso, ma verrà allargata la strada che, dalla stazione, scende verso la Liquigas

Passaggi a livello a Villa, lo smantellamento porterà una nuova via

Il sindaco ha illustrato opere e tempistica. Sarà realizzata una strada che corre parallela ai binari da Stazzona a Bianzone: così meno trattori lungo la 38.

Partiranno in primavera i lavori di smantellamento di sei passaggi a livello (di cui due privati) a Villa di Tirano ed uno al confine con Bianzone, in base all’accordo che il Comune ha raggiunto con Rfi due anni fa, ma che ora finalmente si concretizza. Ad annunciarlo il sindaco, Franco Marantelli, che illustra opere e tempistica. Innanzitutto, bene chiarire – nella selva di passaggi a livello presenti a Villa – quali saranno chiusi: sono i passaggi a livello della stazione ferroviaria, del ponte di Sasso e due dall’incrocio con la strada di Stazzona scendendo verso Bianzone, oltre a due pl privati. Vediamo le opere compensative per la viabilità: «Verrà allargata la strada che, dalla stazione, scende verso la Liquigas – spiega il sindaco -, saranno realizzati un sottopassaggio ciclopedonale sotto la stazione e una bretella che, dalla stazione, porta verso il ponte di Sasso. Inoltre sarà chiuso il passaggio a livello che si trova poco lontano dal confine fra Villa e Bianzone (di fronte all’autolavaggio, per intendersi). A fronte della chiusura dei pl da Villa scendendo fino a Bianzone verrà realizzata una strada che correrà parallela alla statale (dalla parte opposta dei binari) più o meno dal passaggio a livello per Stazzona fino alla stazione di Bianzone. In realtà una strada esiste già che, in parte, verrà sistemata e adeguata e, in parte, saranno costruiti dei nuovi tratti. Stiamo definendo proprio in queste settimanale i dettagli con i proprietari dei terreni per raggiungere un accordo bonario con tutti».

La strada consentirà ai mezzi agricoli, che circolano fra Villa e Bianzone, di non percorrere più la statale, per cui si alleggerirà il traffico della Statale 38 e si darà una risposta agli agricoltori. Quanto alla tempistica, Marantelli ora ha le idee chiare: «La prima parte dell’opera, cioè quella che riguarda i passaggi a livello e la viabilità verso Bianzone sarà realizzata entro il 2020, mentre il sottopasso ciclopedonale entro il 2021». Le opere avranno un costo di 1.913.500 euro per Villa e 660mila euro per Bianzone.

L’amministrazione comunale di Villa di Tirano ha messo nel cassetto questo importante risultato ed ora sta guardando oltre. Entro la primavera consegnerà alla Provincia di Sondrio (che si farà ente capofila di un accordo fra Comuni ed Rfi) un nuovo progetto per lo smantellamento di altri tre passaggi a livello con la realizzazione di un sottopassaggio carraio. I pl che si intende rimuovere sono quelli all’altezza della traversa Beltramelli, del ristorante Sosta appetitosa e del torrente Poschiavino, mentre il sottopasso sarà costruito all’altezza del distributore di carburante “Occhio al prezzo”. Partirà dall’incrocio fra via Europa e via Dorsa dalla parte del centro abitato e arriverà direttamente verso l’Adda.


© RIPRODUZIONE RISERVATA