Parcometri a Sondrio: «Le macchinette sono da sistemare»
Le nuove colonnine hanno un problema con la pellicola adesiva

Parcometri a Sondrio: «Le macchinette sono da sistemare»

Il gruppo di Sondrio democratica su Facebook invita il Comune a porre rimedio.

Parcometri da sistemare in giro per la città di Sondrio, quelli vecchi – o quel che ne rimane – e pure i nuovi dispositivi installati qualche mese fa.

La segnalazione arriva dai consiglieri comunali di Sondrio democratica, tramite un post sulla pagina Facebook del gruppo: al centro dell’attenzione, le macchinette per pagare la sosta rinnovate lo scorso anno con un’operazione concordata da Comune e gestore, mandando in pensione i dispositivi ormai obsoleti e installando le nuove colonnine che consentono anche il pagamento con applicazione per smartphone, tramite bancomat e carte di credito.

Un passaggio che però non è stato portato a termine, sottolinea il gruppo consiliare di opposizione riportando le segnalazioni di diversi cittadini: «Dopo 7 mesi – si legge nel post su Facebook – i parcometri vecchi non sono stati tutti rimossi e sostituiti, anzi, la maggior parte delle colonnine non fa bella mostra di sé in giro per la città. Sono state lasciate a pochi passi da quelli nuovi che, invece, hanno un altro problema: la pellicola adesiva della veste grafica inizia a staccarsi».

I consiglieri di Sondrio democratica auspicano un intervento tempestivo, perché si tratta di «piccole cose, ma anche questo è decoro di cui tanto si parla», scrivono: «Speriamo che il Comune risolva questi aspetti con il gestore senza sostenere alcuna spesa aggiuntiva», prosegue il post. Per il gruppo, insomma, l’operazione va portata a termine eliminando le vecchie colonnine ancora presenti in molte vie, mentre i problemi estetici dei nuovi parcometri rischiano di rovinare l’effetto di un’idea positiva.

«Gli accordi col gestore prevedevano la sostituzione dei parcometri, cosa che di fatto non è ancora stata fatta - conclude il post -. La funzione decorativa e informativa di quelli nuovi è una scelta interessante, ma non se è destinata a durare solo pochi mesi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA