Palio delle contrade, trionfa San Rocco

Palio delle contrade, trionfa San Rocco

Lunedì scorso ha conquistato la vetta della classifica generale per non lasciarla più e, sabato sera, San Rocco si è aggiudicata la vittoria della sessantesima edizione della manifestazione organizzata dalla Pro loco di Sondrio.

Con 1975 punti totali, la compagine capitanata da Andrea Serini è riuscita a contenere le insidie di Trieste, distaccandola di 135 lunghezze. Determinante per il successo è stata la vittoria nella “caccia al tesoro” proposta sabato pomeriggio, ma anche il successo nella finale del torneo di calcio, dove San Rocco ha surclassato Milano 6 a 1. Mediocre, invece, è stata la prestazione nella scalata al palo della cuccagna, dove i vincitori del Palio non hanno raggiunto la cima, ma si sono fermati a cinque metri di altezza in poco più di 34 secondi.

Le premiazioni si sono aperte con la consegna del trofeo che da otto anni viene assegnato da Piastra e Vecchia al contradaiolo più leale, entusiasta, ricordando i valori vissuti dalla compianta Lisa Garbellini. Per la prima volta il premio non è stato attribuito ad un singolo, ma ad una contrada, quella di Ronchi, «perché - recitava la motivazione - sia di esempio a tutte le altre per dedizioni, entusiasmo, disponibilità, sana competitività e sportività».

San Rocco, oltre alla vittoria del Palio, si è aggiudicata anche il trofeo dei giochi e quello di calcio, Trieste - seconda con 1840 punti - quelli di pallavolo e basket. In terza posizione si è classificata Vecchia (1780 punti), grazie alla vittoria nel “Palio dei piccoli”, seguita da Piastra e Ponchiera, quarte a pari merito con 1570 punti. Sesta Milano (1500), che per i primi due giorni aveva condotto la classifica generale, seguita di 5 punti da Ronchi e poi da Brigata Orobica (1420). Ultima in classifica, ma applaudita calorosamente dal pubblico per la propria tenacia e costanza, Trento (905 punti).


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de La Provincia di Sondrio in edicola il 9 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA