Venerdì 11 Luglio 2014

Palazzo Besta

“inaccessibile”

Serve confronto

In estate sono molti i turisti che chiedono di visitare il palazzo-gioiello

Torna d’attualità la questione dell’apertura di palazzo Besta a Teglio, che già la scorsa estate aveva sollevato le perplessità del sindaco, Elio Moretti.

Gli orari di visita - a dir poco “complicati” - del gioiello rinascimentale tellino, sono tali da scoraggiare anche i turisti più motivati. E per trovare una soluzione, il sindaco chiede che venga organizzato un convegno, a fine dell’estate, per invitare attorno a un tavolo i Comuni di Sondrio e Chiavenna, proprietari dei palazzi Masegra e Vertemate Franchi (a Piuro) e per confrontarsi così con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e il Paesaggio.

La dimostrazione di quanto sia urgente giungere ad una semplificazione del complicatissimo orario di apertura si intuisce guardando gli orari affissi sulla bacheca, al di fuori del palazzo gentilizio. Dal 1° ottobre al 30 aprile il palazzo è aperto alla mattina dalle 8 alle 14 e il pomeriggio è chiuso, dal 1° maggio al 30 settembre nei giorni feriali è aperto dalle 9 alle 12, dalle 14 alle 17, nei giorni festivi dalle 8 alle 14. La domenica rimane aperto la prima, la terza ed eventualmente la quinta del mese per rimanere, però, chiuso il lunedì successivo. Inoltre il palazzo non è visitabile la seconda e la quarta domenica del mese, salvo essere aperto al contrario il lunedì successivo. Costo del biglietto 2 euro.

«Non si pensi che io abbia dimenticato il problema – rassicura il sindaco -. Già lo scorso anno avevo colto un’occasione pubblica per fare istanza alla Soprintendenza di rivedere gli orari di visita, ma nulla è cambiato. Allora perchè non organizzare un confronto pubblico, per illustrare le criticità che noi avvertiamo per la mancanza di elasticità?».

© riproduzione riservata