Over 70, in tre giorni  quasi 2mila vaccinati
Le operazioni di vaccinazione al Policampus (Foto by foto luca gianatti)

Over 70, in tre giorni

quasi 2mila vaccinati

La campagna in Valle Per loro niente vaccino anglo-svedese: «Sono persone fragili, spesso affette da diabete»

Prosegue a tambur battente la campagna vaccinale massiva in provincia di Sondrio con quasi 2mila dosi di vaccino AstraZeneca somministrate, da lunedì alla giornata di ieri, a cittadini nati fra il 1942 e il 1951, registrati sul portale di Poste Italiane (www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it), o prenotatisi tramite il numero verde dedicato 800.894.545, o tramite gli sportelli automatici Postamat o, direttamente, grazie ai portalettere.

Nonostante tutti i distinguo relativi al ricorso ad un vaccino, AstraZeneca, oggi Vaxzevria, finito da tempo sotto i riflettori, le dodici linee vaccinali attivate, in questo avvio della campagna massiva, nella nostra provincia, stanno lavorando bene.
Ricordiamo che sono due quelle attive a Sondalo, nel 6° padiglione del Morelli, quattro quelle attivate a Sondrio, nella palestra dell’istituto Quadrio-De Simoni, altrettante quelle attive a Morbegno, al Polo fieristico, e due a Chiavenna, nel Palestrone di viale Maloggia. Cui debbono aggiungersene altre due - specificano da Asst Valtellina e Alto Lario, che ha in capo l’intera campagna vaccinale, dal punto di vista operativo - situate all’ospedale di Gravedona».

Tutto bene, quindi, anche dal punto di vista della gestione degli afflussi, che si stanno regolarizzando, soprattutto a Sondrio e a Morbegno, dove si erano registrati alcuni “ingorghi”, anche se resta il grande tema di una somministrazione del farmaco AstraZeneca-Vaxzevria non sempre possibile.

Sì, perché da noi in provincia di Sondrio non è tanto il dato relativo alle rinunce a farsi vaccinare con questo prodotto che rileva, essendo fermo al 4% massimo del totale dei prenotati (ieri, ad esempio, una ventina i rinunciatari, addirittura, meno, nei due giorni precedenti), ma è piuttosto il numero riferito ai non idonei.

Pari a 120, infatti, gli aventi diritto alla vaccinazione nella fascia 70-79 anni, che sono stati rinviati ad altra data e ad altro vaccino, Pfizer o Moderna, perché non ritenuti idonei a ricevere il prodotto di AstraZeneca. E a stabilire questa mancata idoneità è il medico di stanza alla linea dedicata del polo vaccinale, chiamato a risalire alla storia clinica del vaccinando, chiedendo conto delle malattie in cui è incorso, delle patologie di cui è portatore e dei farmaci che assume.


© RIPRODUZIONE RISERVATA