Ordinati tre sacerdoti  Livigno in festa  per don Mauro Confortola
Un momento del solenne rito di ordinazione presbiteriale dei tre religiosi (Foto by foto andrea butti)

Ordinati tre sacerdoti

Livigno in festa

per don Mauro Confortola

Ieri in cattedrale l’ordinazione. Il neo sacerdote assegnato alla parrocchia di Chiavenna e Prata

«Chiamati a crescere innanzitutto in umanità» per potersi inserire «nel vissuto ordinario degli uomini di oggi» e «parlare il loro linguaggio, a partire dalle loro vere domande e dalle inquietudini loro proprie». Questa l’esortazione rivolta dal vescovo Oscar Cantoni ai tre novelli sacerdoti che ha consacrato ieri mattina con rito solenne nella cattedrale di Como. Don Mauro Confortola, livignasco di 34 anni, don Gabriele Mandaglio, originario di Bulgorello di Cadorago e prossimo ai trent’anni, e don Andrea Pelozzi, 27 anni il prossimo mese e proveniente da Comacchio di Azzio (Va), già diaconi dallo scorso 8 dicembre, sono stati elevati al secondo grado del sacramento dell’ordine, quello del presbiterato.

Nella sua riflessione, il vescovo Oscar ha ricordato la recente beatificazione di suor Maria Laura Mainetti, «segno inequivocabile della fedeltà e della benedizione di Dio sulla nostra Chiesa, terreno fecondo anche oggi, come in passato, di santi, di beati e di nuovi martiri». Quindi, citando il profeta Isaia, ha indicato ai novelli sacerdoti che Dio li riveste «delle vesti della salvezza» e li avvolge «con il manto della giustizia».

Molti fedeli, con la cattedrale gremita in tutti i posti disponibili secondo le norme anti-Covid, e un centinaio di sacerdoti hanno condiviso la gioia dei nuovi sacerdoti. Nelle prime file i familiari e gli amici di don Mauro, don Gabriele e don Andrea. «Gioiscono e pregano per voi soprattutto i fratelli presbiteri - ha affermato monsignor Cantoni -, contenti di accogliervi nel Presbiterio, che dovrete considerare come la vostra nuova famiglia».

Al termine della cerimonia sono state rese note le destinazioni: don Mauro sarà vicario nella comunità parrocchiale di Chiavenna e Prata


© RIPRODUZIONE RISERVATA