Olimpiadi 2026, il consiglio comunale di Milano approva la candidatura
Gara di Coppa del mondo di sci alpino a Bormio

Olimpiadi 2026, il consiglio comunale di Milano approva la candidatura

La delibera è passata con ampia maggioranza, con 36 voti a favore e 2 astenuti, con un largo consenso trasversale. Il sindaco Sala: «Ora Coni e governo decidano in fretta»

Il consiglio comunale di Milano ha approvato ieri sera la delibera di candidatura di Milano a ospitare le Olimpiadi invernali del 2026. Il Coni aveva chiesto che l’approvazione dei consigli comunali delle città interessate a correre per i Giochi avvenisse entro il 23 luglio. La delibera è passata con ampia maggioranza, con 36 voti a favore e 2 astenuti, con un largo consenso trasversale, che incontrato l’opposizione del consigliere di “Milano in comune”, Basilio Rizzo, che ha deciso di non partecipare al voto, e del gruppo del Movimento 5 Stelle, che ha optato per l’astensione.

«Sono molto felice di potervi ringraziare per l’appoggio che avete espresso - ha detto il sindaco Sala dopo la votazione rivolgendosi ai consiglieri -, però nella nostra attitudine c’è l’idea di cogliere ogni opportunità possibile. Il consiglio comunale di Milano ha già vinto». Parole che hanno scatenato l’applauso di tutti i gruppi consiliari. Il sindaco Sala ha sottolineato come adesso «è importate che il Coni e il governo decidano in fretta, perché i costi sono inversamente proporzionali a quanto tempo hai, e se non si decide in fretta poi per organizzare un evento così si spende di più». L’aula del consiglio comunale ha approvato alcuni emendamenti alla delibera, proposti dal Movimento 5 stelle, che prevedono che l’evento «dovrà innestarsi in una chiara strategia di lungo termine, per assicurare ricadute positive per i cittadini su occupazione, trasporti, investimenti e innovazione 4.0». Inoltre ci dovrà essere la garanzia dell’utilizzo post evento di tutte le infrastrutture sportive. Parere positivo anche per le modifiche proposte dal consigliere Basilio Rizzo, che è uscito dall’aula per il voto, ma ha chiesto l’impegno per un’Olimpiade che non gravi sul bilancio del Comune e la creazione di una contabilità separata delle spese correlate all’evento. Inoltre il progetto definitivo della candidatura dovrà essere condiviso con il Consiglio comunale entro gennaio 2019.

«L’approvazione della delibera che conferma la candidatura di Milano alle Olimpiadi invernali del 2026 rappresenta una vittoria del consiglio comunale che, al termine di un dibattito ampio e costruttivo, ha apportato modifiche significative al testo. Come presidente dell’aula, desidero esprimere il mio apprezzamento per il lavoro dei consiglieri che, in commissione prima e in seduta consiliare poi, hanno proposto e votato emendamenti che garantiranno un percorso condiviso nella fase di approvazione del dossier, assicureranno il lascito alla città attraverso l’utilizzo di aree vincolate alla funzione pubblica e la conversione del villaggio olimpico in alloggi per studenti. Importante anche sottolineare che grazie a un emendamento votato i aula si stabilisce che non ci saranno oneri per opere e infrastrutture a carico dell’amministrazione». Lo ha dichiarato il presidente del consiglio comunale di Milano Lamberto Bertolè.


© RIPRODUZIONE RISERVATA