Nuovi servizi al centro per l’autismo

Nuovi servizi al centro per l’autismo

Con i fondi del bando “Pro Valtellina” l’Anffas ha messo in piedi un progetto per ampliare l’offerta con strumenti innovativi e competenze aggiuntive.

Il centro per l’autismo di Mossini, nato nel 2007 e cresciuto di anno in anno, rappresenta il punto di riferimento per l’intera provincia di Sondrio e al momento segue 56 bambini.

I fondi messi a disposizione per il potenziamento delle attività sono fondamentali perché consentiranno all’Anffas, presieduta da Guido Mazzoni, di dotarsi di una logopedista per 15 ore a settimana, di acquistare un tablet comunicatore Blu(e) e materiale testo e audio e la possibilità di proporre un corso di formazione sulla comunicazione aumentativa, ovvero visiva.

Tutte queste iniziative partono dal presupposto che l’autismo è caratterizzato da una significativa compromissione dello sviluppo di abilità comunicative, sia non verbali che verbali: i soggetti che non sviluppano un linguaggio verbale hanno bisogno di essere guidati a comunicare attraverso il canale visivo e gestuale, mentre i soggetti che sviluppano un linguaggio verbale hanno comunque bisogno di un supporto specialistico per strutturare un linguaggio fonologicamente corretto ed efficace per la comunicazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA