Nuovi contatori dell’acqua. A Cino installato il primo
Il sindaco di Cino, Basilio Lipari, assiste all’installazione del contatore da parte dell’addetto Secam

Nuovi contatori dell’acqua. A Cino installato il primo

Ieri la Secam ha iniziato dalla casa del sindaco Basilio Lipari. Sono 280 le utenze che hanno aderito alla campagna di contabilizzazione.

Primo contatore elettronico di Secam posato per il progetto pilota che vede il comune di Civo testa di ponte nell’adeguamento tecnologico delle rilevazioni legate al consumo, e non solo, dell’acqua. Con un atto simbolico ufficiale, ieri pomeriggio è stata l’abitazione del sindaco del paese della costiera dei Cech, Basilio Lipari, a vedere la posa del primo contatore alla presenza dei tecnici Secam e dell’amministratore delegato della società, Gildo De Gianni.

L’iniziativa segue di poco più di un mese la sottoscrizione della convenzione tra il Comune di Cino e la società per l’ecologia e l’ambiente per l’installazione dei misuratori elettronici dei consumi di acqua potabile.

«A Cino abbiamo circa 280 utenze - spiega il primo cittadino Lipari - che fino a oggi non erano dotate di contatore per il rilevamento dei consumi di acqua. Abbiamo illustrato l’iniziativa agli abitanti e ad oggi la richiesta di posa del contatore elettronico è venuta da circa 200 utenze. Abbiamo presentato questa opportunità e oltre il 70% ha scelto di aderire, anche se ovviamente c’è ancora tempo e modo per inoltrare la richiesta.

Tra chi ha aderito non rientrano soltanto coloro che risiedono abitualmente in paese ma anche di molti che hanno qui la seconda casa. Dopo che è stato espresso il loro interesse a riguardo, abbiamo provveduto a inviare i moduli necessari e predisporre la pratica che porterà alla posa del contatore. Entro i prossimi due mesi gli utenti che hanno già scelto di aderire saranno dotati del contatore elettronico. La posa prenderà il via lunedì e sarà effettuata per ogni via del paese».

Gli utenti possono scegliere tra gli idraulici abilitati che rientrano nell’elenco inserito nella convenzione tra Secam e Confartigianato per effettuare la posa, seguita poi dall’intervento dei tecnici Secam per la piombatura e la verifica del corretto funzionamento del contatore. Il costo a carico dei cittadini è legato al tipo di intervento che effettua l’idraulico, mentre nessuna spesa riguarda il contatore, che rimane di fatto proprietà di Secam.


© RIPRODUZIONE RISERVATA