Nuova superstrada. Ventilatori in galleria  per allontanare lo smog
La simulazione del progetto esecutivo per nascondere la galleria artificiale

Nuova superstrada. Ventilatori in galleria

per allontanare lo smog

Morbegno, saranno sistemati impianti longitudinali. Il sindaco: «Intervento necessario per estrarre i fumi. È una miglioria rispetto a quelli di tipo trasversale».

Meno inquinamento nell’aria a Campovico e ai Torchi Bianchi grazie all’impianto di ventilazione longitudinale. È questo l’aggiornamento sulla futura superstrada che hanno reso pubblico ieri in conferenza stampa il sindaco Andrea Ruggeri e il tecnico esterno incaricato dal Comune per seguire la partita, Francesco Bongio.

Lo scopo della comunicazione ufficiale era uno: informare i cittadini dei passaggi progettuali «che hanno portato nell’esecutivo all’adozione dell’impianto di ventilazione longitudinale- ha preciso il sindaco -. Tale sistema comporterà un rilevante miglioramento dell’aria nella zona di Campovico e Torchi Bianchi nel tratto all’aperto fra le due gallerie». Quei 600 metri a cielo aperto che separeranno la galleria di Selvapiana da quella di Paniga e che tanto preoccupano i residenti delle frazioni sull’Adda di Morbegno. Gli stessi che stilarono una petizione che nell’aprile del 2014 fu sottoscritta da 2029 persone- compresa l’intera attuale amministrazione comunale morbegnese- gli stessi cittadini che in questi mesi hanno richiesto innanzitutto la “soluzione migliorativa con prolungamento della galleria artificiale per la qualità della vita dei cittadini residenti”. Cioè il prolungamento della galleria artificiale di Campovico sino al cunicolo della condotta forzata Sem con copertura a 180°.

«Una soluzione che abbiamo condiviso sin dall’inizio e che abbiamo portato avanti con forza insieme con le istituzioni locali anche nell’ultima riunione del Collegio di vigilanza sulla nuova strada - ha detto il sindaco Ruggeri- teniamo conto però che ci troviamo di fronte a un progetto esecutivo blindato e in fase di realizzazione. Sul quale si è ottenuta questa miglioria importante dell’impianto di ventilazione longitudinale, ma anche la fase di tre anni di monitoraggio acustico-ambientale dell’impatto di questo intervento. Se in questi tre anni si registreranno anomalie di sorta, superamenti dei valori di soglia , allora diventerà indispensabile ottenere la copertura e il prolungamento della galleria».

Bongio ha dato il quadro tecnico delle opere, dal progetto preliminare redatto nel 2008 al definitivo approvato dal Cipe a marzo sino al progetto esecutivo del 18 dicembre del 2014 redatto dalla impresa aggiudicataria ed approvato da Anas quale committente. È nell’esecutivo che si riscontrano le più significative novità per la tutela della salute dei residenti. «L’impianto di ventilazione è stato completamente modificato rispetto a quello proposto nel definitivo- ha spiegato Bongio - . Il nuovo impianto prevede una ventilazione di tipo longitudinale, anzichè semitrasversale. L’estrazione dei fumi avverrà dai portali delle gallerie e precisamente per il tunnel Selva Piana attraverso il portale lato Cosio e per la galleria Paniga dal portale lato Svincolo del Tartano». Il senso di direzione del flusso dell’aria da espellere avverrà dal lato opposto rispetto all’abitato di Campovico, garantendo la salubrità dell’aria della zona urbanizzata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA