Natale con sorpresa  Per la prima volta    i “Fiatini” sul palco
I Fiatini sul palco con il maestro Bruno Figera

Natale con sorpresa

Per la prima volta

i “Fiatini” sul palco

GrosioTradizionale concerto di fine anno dei Fiati

Esordio per le nuove leve con la felpa arancione

Le speranza della presidente e il siparietto del maestro

Il futuro è già presente per il corpo musicale “I Fiati” di Grosio che sabato sera si sono esibiti nel tradizionale concerto di Natale nella sala della comunità dell’oratorio di Grosio.

Il merito è dei “Fiatini” ovvero gli allievi della scuola di musica diretta dallo stesso maestro della banda Bruno Fighera che in questo modo insegna alle giovani leve i rudimenti musicali prima di dirigerle fra i grandi.

Nell’intervallo

Un passaggio, quello dalla scuola di musica alla banda, che hanno compiuto tanti degli attuali componenti e che, è l’augurio di tutti, possano compiere anche la quindicina di suonatori in erba - qualcuno di loro frequenta ancora la scuola dell’infanzia - che hanno fatto il loro esordio pubblico di insieme durante l’intervallo del concerto. Tutti hanno sfoggiato la felpa arancione sponsorizzata dalla Comunità montana di Tirano, divisa attuale in attesa di crescere, diventare ancora più bravi e giungere ad indossare la divisa de “I Fiati” che è il costume grosino. «Adesso potete indossarla anche ad andare a scuola- ha detto ai piccoli - la presidente del sodalizio Nadia Rodolfi, orgogliosa della nuova sfornata di promesse- ma, li ha pure ammoniti - guardate che dovete continuare a suonare perché altrimenti dovrete restituire la felpa».

Fighera ha accolto con l’affetto di un nonno i piccoli allievi che hanno l’età dei suoi nipotini: «I genitori di Federico e Vittoria Varenna mi avevano detto che era un problema farli esercitare perché se suonava uno, voleva suonare l’altro e viceversa, allora mi sono inventato un pezzo nel quale suonano contemporaneamente» e davanti ai genitori , alla nonna e al pubblico che ha gremito la sala, i due fratellini hanno suonato egregiamente. Ma è stata anche una serata di sorprese. Il maestro poschiavino ha chiamato sul palco Gemma Curti, che suona l’ottavino e nel 2017 convolerà a nozze facendole la sorpresa di una marcia nuziale suonata da una giovane allieva.

La marcia nuziale

«Mi raccomando Gemma- ha detto Fighera- negli accordi matrimoniali, di chiaramente al marito che il giovedì sera è dedicato alla prove della banda. Noi il giorno del tuo matrimonio verremo a suonare per te, ma tu continua a suonare per poi, altrimenti, noi come ha visto questa sera abbiamo già pronto il tuo sostituto». Un bacio di Gemma alla piccola erede musicale ha rappresentato un simbolico passaggio generazionale. È finita con Happy Christmas suonato dai grandi con i piccoli suonatori a fare da coreografia in attesa di entrare nella grande famiglia musicale fra qualche anno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA