Morbegno, semaforo alla fine del ponte  L’installazione è vicina
Il ponte sfocia sulla Valeriana

Morbegno, semaforo alla fine del ponte

L’installazione è vicina

Venerdì il grosso delle opere ha ristretto la carreggiata su via Forestale e il Vanoni sia per le auto sia per i pedoni.

Manca poco all’installazione del nuovo semaforo sul ponte Vanoni. Il semaforo è stato pensato per tenere a bada il traffico al crocevia fra le tre direttrici fra Morbegno e la Costiera dei Cech e per mettere in sicurezza un incrocio a rischio, quello fra la strada provinciale numero 4, la Valeriana che attraversa la Costiera dei Cech, e via Forestale, il lungo rettilineo di Morbegno. Intanto, venerdì sono stati completati i lavori più ingombranti che hanno imposto il senso unico di marcia sul ponte e lo stop al passaggio sul marciapiede, sul lato est di via Forestale. Gli ultimi passaggi, in termini di interventi sul tratto, riguardano quindi la posa vera e propria del semaforo, «che sarà funzionale al passaggio dei mezzi lungo tutte e tre le direttrici che convergono sul ponte - spiega il comandante dei vigili Paolo Tarabini - in sostanza il semaforo , in base ai flussi di traffico si attiverà di volta in volta: ad esempio se è verde su via Forestale, sarà rosso per le auto provenienti da Traona e per quelle che arrivano da Dazio».

L’avvio dell’intervento viabilistico ha sollevato critiche durante l’ultima seduta del consiglio comunale di Morbegno. In particolare, dalla minoranza è stata contestata la tempistica di attuazione delle opere che non avrebbe tenuto conto delle mutate condizioni di traffico della zona, dove l’arrivo della nuova statale 38. Il sindaco Andrea Ruggeri ha rimarcato come «il semaforo non sia inutile ai fini della sicurezza: se è vero che il traffico nella zona è diminuito è altrettanto vero che adesso, proprio per questo motivo, sul rettilineo della Forestale verso la Costiera dei Cech , i mezzi transitano più velocemente. Quindi un rallentamento delle velocità dovuto al semaforo è quanto mai necessario».


© RIPRODUZIONE RISERVATA