Morbegno raccontata dai cittadini  Anche Lella Costa allo “Story festival”
L’attrice, scrittrice e doppiatrice milanese Lella Costa aprirà il Morbegno story festival il 29 giugno (Foto by archivio)

Morbegno raccontata dai cittadini

Anche Lella Costa allo “Story festival”

Presentato il progetto in programma il 29 e 30 giugno con i racconti sulla città. Spettacoli, percorsi guidati, giochi, pittura, musica, video per un appuntamento imperdibile.

Ci sarà anche l’attrice, scrittrice e doppiatrice milanese Lella Costa al “Morbegno story festival, persone, luoghi e storie” in programma il 29 e 30 giugno. Una data zero per il progetto firmato dal Lokalino, Comune di Morbegno e cooperativa Grandangolo con il sostegno della fondazione Cariplo. L’iniziativa è stata presentata ieri in sala giunta dove sono intervenuti il sindaco Andrea Ruggeri, l’assessore alla cultura Claudio D’Agata, Alberto Vinci e Lucia Coradi del Lokalino, la consulente Alessandra di Clemente, l’architetto Roberto Paruscio, Giovanni Busetto di Ambria jazz, Domenico Buzzetti di Brain Vision, i ragazzi che hanno partecipato al progetto.

«Un’iniziativa che vuole portare il bello e la cultura in mezzo alla gente, coinvolgendo direttamente le persone che si raccontano, che raccontano la città», ha detto D’Agata. Come ha spiegato Vinci, il Morbegno Story Festival «nasce dall’idea di costruire un evento per che animi la città stimolando la partecipazione diretta dei cittadini». Per fare questo, lo staff del Lokalino ha coinvolto i morbegnesi chiedendo di raccontare la loro storia vissuta in città.

I preparativi del Festival hanno preso il via a gennaio con la costituzione di un gruppo di giovani (18 ragazzi provenienti dalle scuole superiori locali di età compresa tra 15 e 20 anni), che dopo un percorso formativo sull’intervista, il videomaking, la scrittura e la fotografia, sono stati ingaggiati come intervistatori e raccoglitori di storie.

Alcuni di questi incontri formativi hanno visto il coinvolgimento di artisti e formatori come lo scrittore Marco Baliani, il giornalista de “Il Corriere” Matteo Cruccu, l’esperto di video-storytelling Alessandro Ciardi. I ragazzi hanno intervistato i portatori di storie attraverso le tecniche acquisite trasformando le testimonianze in opere, installazione, spettacoli.

Nel dettaglio il festival aprirà venerdì 29 giugno con uno spettacolo teatrale di e con Lella Costa attorno al tema delle storie, anche quelle morbegnesi. Durante le due giornate ci saranno due percorsi guidati alla scoperta della città della storie e delle bellezze della città, spettacoli teatrali, installazioni artistiche, giochi per bambini, pittura en plein air, musica e video proiezioni relative alle storie raccolte.

Sabato 30 sono in calendario i giochi di una volta, la caccia ai luoghi perduti in piazza San Pietro e un workshop “Narrare le storie” a palazzo Malacrida.

Da non perdere sabato dalle 16,30 la proiezione del filmato “Morbegno Stories” a palazzo Malacrida. A chiusura della due giorni è previsto il Morbegno Story Music, concerto musicale che grazie al coinvolgimento dei residenti, si terrà in una zona che la stessa popolazione ha deciso di valorizzare: l’area pubblica Passerini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA