«Morbegno, niente assemblea sulla sanità locale»
L’ospedale e il punto di primo intervento di Morbegno saranno discussi da una cabina di regia

«Morbegno, niente assemblea sulla sanità locale»

Il sindaco Ruggeri ha ricevuto un no da direzione sanitaria ed Areu alla richiesta di incontro pubblico. La cabina di regia sarà l’unica sede di confronto, intanto il Comune invita l’assessore regionale Gallera in consiglio.

Salta l’assemblea sulla sanità, ma Morbegno attende l’arrivo dell’assessore regionale per discutere dell’ospedale cittadino. Era stata chiesta dal comitato popolare “Salviamo la nostra sanità” e il sindaco Andrea Ruggeri, che aveva garantito il suo impegno, nei giorni scorsi ha domandato ai vertici della sanità la partecipazione a un’assemblea pubblica sull’ospedale.

«Ho inviato una lettera di convocazione indirizzata alla dirigenza sanitaria e di Areu per entrare nel dettaglio dei recenti sviluppi sull’ospedale morbegnese all’interno di un’assemblea pubblica da tenersi nel nostro comune - spiega Ruggeri -. È arrivata la risposta dei nostri interlocutori, che ci fanno sapere di essere disponibili al dialogo, ma all’interno della cabina di regia. Abbiamo preso atto di quanto ci è stato comunicato e quindi, senza interlocutori, l’assemblea viene a cadere».

Il sindaco ha definito i portavoce all’interno della cabina di monitoraggio sul presidio sanitario della Bassa Valle. Strumento questo che nelle intenzioni della Regione dovrà essere presieduto dall’Asst e del quale dovranno fare parte i rappresentanti delle amministrazioni locali per tastare il polso dell’attività notturna del presidio sanitario di Morbegno. «Per la cabina sul presidio ospedaliero territoriale di Morbegno abbiamo individuato tre di noi quali rappresentanti in questa sede, cioè il sottoscritto, il sindaco di Ardenno, Laura Bonat, e quello di Talamona, Fabrizio Trivella - precisa Ruggeri -. Insieme agli altri amministratori abbiamo poi individuando anche un delegato tecnico, nella persona del direttore della Rsa di Morbegno, Giancarlo Ricetto, così come richiesto dall’assemblea provinciale dei sindaci sulla partita della sanità per ragionare sul Poas». E sarà questa l’unica sede in cui gli amministratori potranno confrontarsi con i vertici sanitari. Nell’ultimo consiglio comunale la minoranza ha chiesto la convocazione di un consiglio straordinario al quale invitare l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, proprio per affrontare il tema della sanità. «Ho preso contatti con la segreteria di Gallera, che si è riservata di valutare le date utili per un intervento dell’assessore - specifica ancora il primo cittadino -, restiamo quindi in attesa di una prossima comunicazione e auspichiamo una risposta positiva e il consiglio sarà anche l’occasione per chiedere all’assessore le modalità di attivazione della cabina di regia».

Al consiglio straordinario sull’ospedale la minoranza “Morbegno è ora” aveva presentato una mozione specifica, non approvata dall’amministrazione poiché per la maggioranza - astenuti Bryan Pace e Matteo Franzi - sarebbe stato necessario «prima effettuare un passaggio con gli altri sindaci del mandamento sul tema - ha rimarcato in consiglio il primo cittadino -. Per correttezza e rispetto istituzionale verso gli altri comuni ai quali “appartiene” il presidio sanitario cittadino».


© RIPRODUZIONE RISERVATA