Morbegno lascia Porte di Valtellina
L’ultimo motivo della contesa tra il Comune di Morbegno e Porte di Valtellina è lo sportello in piazza Bossi

Morbegno lascia Porte di Valtellina

Manca ancora l’ufficialità, ma pare sia l’epilogo di mesi di screzi tra il Comune e il Consorzio turistico. Al prossimo consiglio comunale il sindaco Ruggeri dovrebbe annunciare l’avvio di una promozione autonoma.

Strappo netto fra Comune e consorzio turistico: Morbegno esce da Porte di Valtellina per fare promozione da sé. La notizia è ufficiosa, ma ancora per poco. Pare si debba attendere il consiglio comunale della prossima settimana per conoscere le decisione della giunta Ruggeri a riguardo.

Che consorzio e amministrazione comunale fossero ai ferri corti lo si era capito da qualche settimana, ma sino all’ultimo si attendeva un cambio di scena, magari grazie alla mediazione della Comunità montana che questa settimana aveva previsto di incontrare le parti per cercare di aggiustare i cocci di un rapporto ridotto ai minimi termini. L’incontro a tre, però, è saltato, sembra per volontà del Comune capo mandamento, che nel frattempo ha fatto due conti per avviarsi verso l’autogestione della promozione turistica. L’idea dell’amministrazione Ruggeri sembrerebbe quella di dissociarsi da Porte di Valtellina per creare un nuovo soggetto, un consorzio parallelo (consorzio Città di Morbegno il nome più accreditato) del quale servirsi per gestire eventi, marketing e promozione turistica e culturale della città.


© RIPRODUZIONE RISERVATA