Morbegno e lo sport, binomio inossidabile. E il Coni si congratula
Le vie della città hanno ospitato una carrellata di attività sportive

Morbegno e lo sport, binomio inossidabile. E il Coni si congratula

La città ha ospitato decine di campi-prova. Dal golf, al basket, dal ciclismo alla kickboxing. «Solo qui è possibile avere tanta partecipazione».

Indomita, Pedale Morbegnese, Nordic Walking Valtellina, Volley, Calcio, Tiro alla fune “targati” Olympic, la società e polisportiva. A seguire, kickboxing, podismo con il Csi Morbegno, l’Asm 70 Pezzini, basket, arti marziali, Okinawa. Il “calcetto” con Mgm 2000, le farfalle della ritmica con Asd V.e.r.a. e il golf. Sabato sera a Morbegno si è svolta la XVI Giornata nazionale dello sport. A realizzare attività promozionale coinvolgendo la città in una successione di campi-prova e svolgendo esibizioni, 14 società e associazioni della Bassa e Media Valtellina.

A guidare l’iniziativa, il Coni provinciale che aveva a propria volta uno spazio e gazebo dove si concentravano altre proposte di sport. A partire dalle 20 le società portavano il gioco e le loro discipline in piazza, in via Vanoni, bambini, bambine potevano salire assistiti dagli istruttori in bicicletta, provare a mettere la palla a canestro, imparare a fare un bagher, impugnare una mazza da golf, salire sui tatami.

Migliaia di persone hanno acceso di curiosità e partecipazione la serata quasi estiva assistendo a performance, prove e debutti coraggiosi, momenti di gara e coreografie. E ancora una volta la città ha portato in evidenza le tante associazioni che svolgono attività di servizio attraverso lo sport, coinvolgendo bambini, famiglie. La Giornata nazionale dello sport per quanto riguarda la provincia di Sondrio si tiene ormai da tanti anni a Morbegno. «E non è certo una scelta casuale – ha precisato il presidente del Coni valtellinese Ettore Castoldi – la città è ricettiva, qui abbiamo spazio, attenzione, c’è consuetudine ed esperienza nell’accogliere gli eventi. Oltre ad una partecipazione della gente che davvero non manca. In altre città e località è difficile trovare la stessa atmosfera. Morbegno, tra l’altro – ha proseguito lo storico dirigente federale – ha anche società-guida su più discipline, penso al Csi Morbegno, e ai suoi grandi numeri sul podismo giovanile, al ciclismo su strada che qui prospera grazie al Pedale Morbegnese».

Tra i visitatori, anche il neo sindaco di Morbegno Alberto Gavazzi. «Questa del Coni – ha detto – è una buona iniziativa, “fa città”, la rende viva e partecipano tanti giovani. Si coglie anche il lavoro svolto dalle associazioni sportive, l’impegno profuso indirizzato alla socialità, alla coesione tra le persone. I volontari dello sport di Morbegno si dimostrano tanti, è evidente il loro valore».


© RIPRODUZIONE RISERVATA