Morbegno, cinquecento case vuote  Prezzi in forte calo ed edilizia bloccata
A Morbegno ci sono almeno 500 immobili usati invenduti o sfitti

Morbegno, cinquecento case vuote

Prezzi in forte calo ed edilizia bloccata

Il mercato immobiliare in città sta vivendo una perdurante stagnazione. L’usato sotto i mille euro.

Annunci, «Casa indipendente a Morbegno, 300 metri quadri, prezzo 195mila euro»; «Casa indipendente in vendita a Campovico, Morbegno, 250 mq, prezzo 155mila euro», «Trilocale a Morbegno, 92 mq con ascensore, prezzo 115mila euro». A Morbegno le quotazioni del mercato immobiliare sembrano in “caduta libera”. Nella varietà degli annunci che compaiono sui siti specializzati si iniziano a vedere case in vendita con prezzi inferiori ai 1.000 euro al metro quadro, o di poco superiori. Si parla nella maggior parte dei casi di zone frazionali o di immobili “usati” ma il dato colpisce e in città se ne parla. Il fenomeno dei prezzi delle case “a picco” sia in Morbegno sia nella sua cintura urbana è in realtà già da tempo al vaglio degli addetti ai lavori per un centro urbano che conta ad oggi più di 500 immobili vuoti e sfitti e i commenti degli operatori seguono l’andamento e portano conferme.

«Prezzi in caduta, assolutamente sì - precisa da Morbegno Luca Foresto, Immobiliare Foresto - vero è che il prezzo è molto soggettivo, dipende da zona a zona e dalla tipologia ma sulle vendite oggi in certi casi si va anche abbondantemente sotto le mille euro al metro quadro. Soprattutto se l’immobile è usato ed è di ampie metrature. L’appartamento grande si fa più fatica a venderlo e nel frattempo il prezzo si abbassa con il mercato». Il calo delle quotazioni interessa indifferentemente Morbegno centro e zona nord. «Il nuovo - chiarisce ancora l’operatore immobiliare - lo vendiamo a 2.200, 2.300 euro a metro quadro e facciamo molta fatica. Il problema è che superata una certa soglia di costo, si fa fatica e non si può neanche dire che ci siano zone più appetite di altre, il centro di Morbegno ad esempio non è il centro di Milano, sei centrale ma puoi avere più difficoltà di parcheggio, hai gli accessi limitati, la zona pedonale. Non c’è differenza marcata tra centro e, ad esempio, zona Nord». Si parla di un mercato con case che restano in vendita per 4, 5 anni.

«C’è una marea di case in vendita - conferma Andrea Ciaponi, Gabetti Franchising, Morbegno - non c’è una regola però, a prezzo che scende c’è chi conferma la quotazione, chi apre la trattativa. Se hai il prodotto che interessa alla gente riesci a venderlo ma c’è tantissimo invenduto, sulle stime l’anno scorso si parlava di 500 immobili fermi in città e i numeri potrebbero essere anche lievemente aumentati».

Il mercato che ristagna tiene anche fermi cantieri e operazioni di edificazione. «Ci sono tre gru attive in tutta Morbegno - precisano ancora gli operatori del settore - vuol dire che non c’è richiesta. C’è tra l’altro ancora chi pensa di potere vendere le case “sulla carta” e poi finire di costruire ma a fronte di tanta offerta al cliente devi fare vedere l’immobile quasi finito, altrimenti resti invenduto prima ancora di avere messo i serramenti».

Il mercato delle case in Valtellina e non solo a Morbegno ha perso in 10 anni il 45% sul valore delle quotazioni. Lo spiega Danila Fomiatti presidente sondriese del Fiaip, Federazione italiana agenti immobiliari. «Nel 2006, 2007, anni pre crisi, gli immobili - spiega - non solo a Morbegno ma anche nelle altre città della provincia, avevano i prezzi al top. Poi venne la crisi e i prezzi hanno cominciato a scendere, abbiamo perso un 5% nel 2010, un altro 5% nel 2011, nel 2012-2013 si è avuta in due anni una diminuzione del 15% e abbiamo perso un altro 5% nel 2014 per arrivare a un 45% totale. Parlo di usato, di immobili residenziali usati. Logico che oggi ci si trovi di fronte a valori che potrebbero essere del 40, 50% in meno rispetto al 2007. Ora il mercato si sta muovendo perché i prezzi sono bassi e conviene comprare l’usato per ristrutturarlo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA