Martedì 29 Aprile 2014

Morbegno, calcio e fair play

«Dai genitori cattivi esempi»

Lo spirito sportivo deve essere riscoperto in campo e sugli spalti

«Vediamo ragazzini educati male all’attività sportiva dai genitori, colpevoli di rovinarli, incitandoli nel peggiore dei modi e convinti di vedere solo campioni nei loro figli. Speriamo che questo sia un modo per recuperare qualcosa in una situazione che spesso è al limite».

È quanto sostiene il delegato provinciale della Figc di Sondrio Daniele Croce che, nel presentare la prima edizione del Torneo mandamentale di calcio indoor a 5 dedicato alle categorie pulcini ed esordienti, ha voluto sottolineare come «a quei genitori che riconosciamo colpevoli di un atteggiamento del tutto contrario allo spirito dell’attività rivolta a bambini e ragazzi forse andrebbero rivolti percorsi di formazione specifici per evitare situazioni del tutto inopportune».

E in favore di fair play e corretto approccio al gioco del calcio del settore giovanile e scolastico, Daniele Croce ha annunciato che nelle tre palestre del mandamento in cui si svolgeranno le partite del torneo, cioè quelle di Piantedo, Talamona e Morbegno in via Faedo, saranno esposti la carta dei diritti dei bambini e le cinque regole rivolte proprio ai genitori per far sì che il loro comportamento rispecchi la correttezza e lealtà che si chiede anche dentro il campo da gioco.

© riproduzione riservata