Mondo della cultura in lutto, è scomparso Ivan Fassin

Docente, preside, sindacalista, studioso appassionato: la provincia di Sondrio perde un intellettuale vero

Mondo della cultura in lutto, è scomparso Ivan Fassin
IVAN FASSIN
(Foto di Gianatti)

E’ morto improvvisamente Ivan Fassin. Era nato a Torino nel 1938 da Giovanni e Zelia Rabbiosi, a tre anni era rimasto orfano del padre caduto in guerra e la famiglia aveva quindi fatto ritorno in valle e preso dimora a Sondrio, dove la madre era impiegata all’INAM. A Sondrio aveva frequentato le scuole fino al liceo classico dove aveva brillantemente conseguito la maturità e conosciuto Franca Lorrai che sarebbe diventata sua moglie. Si era laureato in lettere all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano dove era stato, prima allievo e poi vicedirettore del Collegio Augustinianum. Malgrado le insistenze del suo maestro Mario Apolloni,o che avrebbe voluto avviarlo alla carriera universitaria, dopo un periodo non breve di insegnamento di Lingua e letterature classiche e moderne al Liceo-ginnasio “G. Piazzi”, decise di dedicarsi all’attività sindacale come dirigente nazionale Sism-Cisl, assumendo, più tardi, la presidenza dell’importante Biblioteca Pedagogica di Firenze e la dirigenza nazionale del Settore Formazione della Cisl. Tornato all’insegnamento a Sondrio concluse la carriera come preside dell’Istituto Magistrale Lena Perpenti. Non interruppe mai l’attività sindacale in provincia e non aderì mai ad alcun partito, malgrado il suo interesse per la politica nella concezione più nobile del termine. In ambito religioso si segnalava per interesse nella ricerca del modo migliore per essere cristiani nel solco della storia e per vivere la fede. Alpinista appassionato, socio del CAI, specialista di analisi della cultura popolare, in particolare alpina, lascia numerose pubblicazioni.

Era membro del Comitato scientifico del Museo Etnografico Tiranese al quale è stato vicino fin dai primi passi (anzi, con padre Camillo, Elio Bertolina, Roberto Togni, Mario Garbellini, Giovanni Bettini aveva contribuito a creare le basi culturali di partenza). Era stato vicinissimo anche all’IDEVV (Istituto di dialettologi e di etnografia valtellinese e valchiavennasca), con il suo contributo qualificato e sistematico quanto appassionato, fin dalla sua ideazione come strumento di approfondimento e di divulgazione in ambito immateriale del ruolo che il museo è chiamato a svolgere in ambito “materiale”. Socio da sempre della Società Storica Valtellinese aveva collaborato al bollettino con ricerche di ambito etno-antropologico, raramente indagate fino ad allora.

Da domattina mattina la salma sarà composta nella camera mortuaria dell’Ospedale civile di Sondrio. I funerali seguiranno martedì 30 alle 15 in Collegiata dove domani sera ci sarà la recita del Rosario

© RIPRODUZIONE RISERVATA