«Mi ha chiesto dei soldi, gli ho detto no  È allora che mi ha dato una coltellata»
Sondrio, la zona del canale Enel (Foto by Luca Gianatti)

«Mi ha chiesto dei soldi, gli ho detto no

È allora che mi ha dato una coltellata»

Il racconto del ragazzo ricoverato sabato notte dopo essere stato aggredito. «Ero andato a correre nella zona del canale dell’Enel quando mi si è avvicinato quel tipo».

Ancora nessuna traccia dell’aggressore che sabato sera ha colpito con una coltellata un ragazzo di Sondrio che stava facendo footing in via Nani, nella zona del canale dell’Enel.

Emergono intanto alcuni particolari del racconto fatto dalla vittima agli uomini della Polizia che adesso indagano sul caso. «Ero arrivato lì attorno alle 22 per correre - ha raccontato agli inquirenti il giovane, ancora ricoverato all’ospedale di Sondrio -. Niente di strano, lo faccio spesso la sera. A un certo punto un uomo si è avvicinato da dietro e mi ha chiesto se avevo dei soldi. L’ho mandato a quel paese. È allora che mi è arrivata una coltellata al fianco».

Ferito e sanguinante, il ragazzo sarebbe riuscito comunque a raggiungere la propria auto parcheggiata e a chiamare i soccorsi con il telefonino. Era passata da poco la mezzanotte.

L’ambulanza è arrivata sul poco in pochi minuti . Soltanto a quel punto i medici so sono resi conto che la ferita, fortunatamente, non era profonda al punto da ledere organi vitali. Ma era necessario comunque il ricovero d’urgenza, non solo per le cure e le medicazioni, ma anche per poter tenere il paziente sotto osservazione. Se tutto procede senza imprevisti, potrà essere dimesso tra alcuni giorni. Chi lo ha colpito deve rispondere adesso di lesioni aggravate. Sono gli investigatori della Squadra Mobile della Polizia guidati dal vice questore Carlo Bartelli a indagare sull’accaduto.

Al momento si stanno facendo una serie di verifiche, soprattutto per stabilire chi si trovasse in quella zona a quell’ora. Nessun sospetto, invece, tra le conoscenze del giovane o tra le persone cui aveva avuto a che fare nelle ore precedenti. È stata la stessa vittima a spiegare agli investigatori che nel suo sabato sera c’era stata soltanto la lunga corsa sulle rive del canale Enel.

«Non sono stato in alcun locale, né ho avuto discussioni o litigi con nessuno: non ho proprio idea di chi possa avermi colpito - la versione resa ai poliziotti dal ragazzo ferito -. Era buio, non l’ho neanche visto l’uomo che mi ha chiesto soldi. So soltanto che dopo che gli ho detto che non avevo niente ho sentito un dolore fortissimo al fianco e ho cominciato a perdere sangue».

Sull’andamento delle indagini la Polizia non fa sapere niente di ufficiale. Resta il mistero su un episodio che, se confermato, non può che creare apprensione: sono in tanti i sondriesi che scelgono quella zona per il footing, anche in orario serale. Il ferito, oltretutto, non ha alcun precedente penale, né frequentazioni sospette.


© RIPRODUZIONE RISERVATA