Meno auto e più spazio per i pedoni Piazzale Bertacchi cambia volto
Un’immagine dall’alto di piazzale Bertacchi

Meno auto e più spazio per i pedoni Piazzale Bertacchi cambia volto

Affidata a Sondrio la progettazione per l’intervento da un milione di euro.

Più spazio per i pedoni e meno alle auto, per cambiare volto ad una delle “porte” della città. Così il Comune imposterà la riqualificazione di piazzale Bertacchi, un intervento da un milione di euro per cui palazzo Pretorio ha affidato in questi giorni la progettazione esecutiva. Inserito nel piano per le opere pubbliche 2016, il restyling sarà studiato in continuità con gli interventi già realizzati in zona stazione con il Nodo di interscambio.

L’operazione riguarderà l’area dalla stazione all’incrocio con l’asse via Mazzini – via Sauro, e ci sono già delle linee guida da sviluppare, come spiega il sindaco Alcide Molteni. «Il punto di partenza sarà il progetto “Dal fiume al castello”, che comprendeva anche il Nodo di interscambio e che ha come elemento chiave l’attenzione a pedoni e biciclette – ricorda il primo cittadino -. Per piazzale Bertacchi quindi l’idea sarà quella di aumentare l’area pedonale, anche nella prospettiva di valorizzare gli esercizi pubblici esistenti in zona, alcuni dei quali attualmente dispongono di spazi esterni conquistati a fatica che invece potrebbero essere maggiori». Dalla preparazione del progetto originario sono ormai passati diversi anni, sottolinea il sindaco, quindi come primo passo si farà il punto sull’evoluzione di viabilità e spazi pubblici in zona, per aggiornare le indicazioni delineate a suo tempo.

«Ci incontreremo con i progettisti per capire bene cosa è cambiato, esaminare eventuali nuove idee e definire gli elementi chiave – spiega Molteni -, ragionando sull’assetto della piazza e sulla viabilità, visto che negli ultimi anni insieme al Nodo di interscambio è stato realizzato il nuovo posteggio all’ex scalo ferroviario che ha aggiunto posti auto, oltre ad un altro passaggio verso piazzale Bertacchi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA