Mattoncini di solidarietà  Lego aiuta i piccoli pazienti
La caposala del reparto di pediatria (al centro) cui è stato consegnato il cardio monitor

Mattoncini di solidarietà

Lego aiuta i piccoli pazienti

Lanzada, in 1.300 lo scorso fine settimana per l’evento di Valt Bricks. Con i fondi raccolti acquistato un cardio monitor per la Pediatria.

Sabato e domenica a Lanzada si è tenuta la seconda edizione di “Mattoncini in valle a…”, una due giorni per tutti gli appassionati di Lego che è servita anche per fare beneficenza. Ci sono state meno presenze dell’anno scorso - circa 1.300 persone, contro le 1.800 della prima edizione -, ma il presidente dell’associazione socio culturale Valtellina Bricks di Montagna in Valtellina, Lorenzo Battaglieri - è comunque molto soddisfatto.«L’anno scorso la nostra esposizione si era svolta in estate, quando in valle c’erano tanti turisti, quest’anno molto prima - dice -; ciononostante abbiamo raccolto più fondi, più del doppio della passata edizione, e per questo ringrazio i malenchi per la loro generosità».

Con il denaro raccolto, Valtbricks ha centrato un obiettivo importante: «L’anno scorso, in collaborazione con il reparto di pediatria dell’ospedale di Sondrio, abbiamo avviato una raccolta fondi per acquistare un cardio-monitor di ultima generazione con software pediatrico. Durante tutti gli eventi organizzati - sia da ValtBricks che da tutti i gruppi e le associazioni che organizzano eventi Lego in qualche modo legati a noi - abbiamo raccolto oltre tremila euro, e sabato scorso abbiamo potuto consegnare il cardio monitor direttamente nelle mani del personale della pediatria di Sondrio».

Contestualmente, si è svolta la premiazione del concorso Lego riservato ai bambini e ai ragazzi fino a 14 anni: nella categoria junior, per i bambini fino a 8 anni, sono stati premiati - in ordine di classifica - i piccoli Marco Negrini, Valerio Schenatti e Stefano Masa; nella categoria senior, per i ragazzi dai 9 ai 14 anni, vittoria per Alessia Lenatti, seguita da Alessandro Nana e Cristian Negrini. «Desidero ringraziare - conclude Battaglieri - l’agenzia eventi di Bruno Ligari che ci segue nell’organizzazione degli eventi senza voler nulla in cambio, ma dando veramente molto; Damiano Baldini di Adulti fan del Lego (www.afdl.it) che ha aperto una sottoscrizione per una raccolta fondi a scopo benefico a nome di Davide Leonardi - un nostro caro amico appassionato di Lego scomparso prematuramente -, donando parte dei fondi raccolti proprio per il nostro progetto; grazie anche agli amici delle varie associazioni di appassionati di Lego come Slaf di Pieve Fissiraga, Clv Verona, Piemonte bricks, Romagna Lug, Brickoni e Brianzalug, che hanno contribuito al successo dei nostri eventi. Infine, grazie a Banca popolare di Sondrio e al Credito Valtellinese per il prezioso contributo fornito, e al Comune di Lanzada per l’ospitalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA