Mattoncini a Montagna, il fascino dei Lego  attira 1700 visitatori
Il flusso dei visitatori è stato continuo: nella foto i premi assegnati per la categoria 9-14 anni

Mattoncini a Montagna, il fascino dei Lego

attira 1700 visitatori

Importante anche la raccolta benefica. Mille euro destinati un macchinario per la Pediatria. Ieri pomeriggio premiati i bambini del concorso.

Hanno attirato più di 1.700 visitatori in due giorni il milione di mattoncini Lego, materia prima di costruzioni spettacolari alla mostra-concorso “Mattoncini in valle” allestita sabato e domenica alla scuola primaria “Rita Levi Montalcini” a Montagna Alta. Ma non solo: sono stati raccolti all’incirca 1.000 euro, fondamentali per raggiungere l’obiettivo che si è prefissato Valtellina Bricks, gruppo valtellinese di Afol (Adults fan of Lego), che sotto la regia di Lorenzo Battaglieri ha organizzato questa seconda edizione.

Realizzare un progetto ambizioso, acquistare cioè BeneHeart R12, da donare al reparto di Pediatria dell’ospedale di Sondrio, «un macchinario all’avanguardia, munito di software pediatrico che può facilitare il lavoro dei medici, in quanto consente diagnosi Ecg rapide e accurate per soddisfare le più disparate esigenze cliniche» spiega Battaglieri che ringrazia chi ha risposto all’appello di solidarietà facendo la sua offerta.

«La raccolta fondi è andata oltre ogni più rosea aspettativa. Siamo davvero soddisfatti. Altrettanto per i visitatori, cui diamo appuntamento al prossimo evento», che si terrà a Lanzada il 15 e 16 luglio quando la raccolta fondi proseguirà.

Battaglieri si complimenta anche con i piccoli grandi campioni - 19 i bambini in concorso -, che hanno gareggiato con le loro costruzioni, premiati nel tardo pomeriggio di ieri. Per la categoria zero-otto anni ha primeggiato Roberto Gianatti, che si è piazzato davanti ad Adele Chiarot e a Giovanni Bormolini. Andrea Garbellini si è invece imposto nella categoria 9-14 anni, seconda classificata Vittoria Petrelli e sul gradino più basso del podio Lorenzo Guarnaroli, bambini e ragazzi che, con fantasia e creatività, si sono distinti e che grazie alle loro costruzioni sono stati premiati con scatole di Lego.

Giudizi assolutamente positivi quelli espressi dai visitatori, grandi e piccini, tutti “stregati” dalla magia sprigionata dagli intramontabili mattoncini colorati. Particolarmente apprezzata la storia di 40 anni di Lego attraverso l’evoluzione delle macchine, delle jeep, dei trattori, delle moto e degli elicotteri, costruite a partire dalle prime edizioni sino a quelle più evolute dei giorni nostri. Del peso di 12 chili, ha attirato l’attenzione del pubblico anche la Millennium Falcon, l’astronave di Star Wars, composta da 5.197 mattoncini, costruita in 21 ore circa dallo stesso Battaglieri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA