Maltempo: nevica anche in Valtellina   e Valchiavenna - Passi alpini transitabili, Anas e Polstrada consigliano prudenza
Neve a Sondrio

Maltempo: nevica anche in Valtellina

e Valchiavenna - Passi alpini transitabili, Anas e Polstrada consigliano prudenza

«Clima a una svolta – è stato annunciato ieri dai principali siti e portali di meteorologia e previsioni –, venerdì un’intensa perturbazione atlantica porterà maltempo specie al Nord e nelle regioni tirreniche, con finalmente tanta neve sulle nostre Alpi e anche in pianura tra Piemonte e Lombardia occidentale».

Maltempo in Valtellina e Valchiavenna investite da fitte nevicate anche nelle località di fondovalle. Al momento la Polstrada del Comando provinciale di Sondrio non segnala problemi alla percorribilità delle statali 36 dello Spluga e 38 dello Stelvio.

In azione, in particolare sulle strade a mezza costa sulle montagne, dove le nevicate sono più consistenti, i mezzi spazzaneve e spargisale. I passi alpini sono transitabili con catene o pneumatici da neve. La raccomandazione alla prudenza agli automobilisti, da parte di Anas e Polizia Stradale, è massima per la possibilità di tratti ghiacciati, soprattutto all’uscita delle gallerie.

Il sindaco di Sondrio, Marco Scaramellini, ieri ha voluto rassicurare la cittadinanza con un comunicato. Nel documento si afferma che «il Comune, in collaborazione con Secam, ha già assunto tutte le iniziative necessarie per far fronte ai possibili disagi legati al maltempo». Scaramellini ha tenuto a ricordare come per affrontare nel migliore dei modi situazioni simili, occorra la fattiva e concreta collaborazione di tutti i cittadini, ai quali ha rivolto un invito affinché curino la pulizia delle proprietà private, indossino abbigliamento e calzature adeguate rispetto alle condizioni meteorologiche e al fondo stradale.

Non solo, l’invito si rivolge anche alla possibilità che verifichino anticipatamente che i propri mezzi siano dotati di pneumatici da neve oppure di catene e che, per quanto possibile, compatibilmente con le esigenze di vita e di lavoro di ciascuno, gli spostamenti con mezzi privati vengano ridotti al minimo indispensabile. In caso l’utilizzo di veicoli sia strettamente necessario, il sindaco ha invitato a prestare particolare attenzione alle condizioni del fondo stradale e al rispetto delle norme del codice della strada.

Infine Scaramellini ha espresso massima fiducia sul fatto che vi sia fattiva collaborazione dei cittadini sondriesi, ai quali il primo cittadino del capoluogo ha chiesto comunque di avere pazienza rispetto a possibili disagi causati dal maltempo.

«Clima a una svolta – è stato annunciato ieri dai principali siti e portali di meteorologia e previsioni –, venerdì un’intensa perturbazione atlantica porterà maltempo specie al Nord e nelle regioni tirreniche, con finalmente tanta neve sulle nostre Alpi e anche in pianura tra Piemonte e Lombardia occidentale». «Pioggia e neve ci accompagneranno anche nel weekend. Sulle Alpi – è stato rimarcato – la neve sarà finalmente diffusa e copiosa con accumuli anche di oltre mezzo metro dai 1000 ai 1200 metri di quota, in particolare su Orobie, Trentino e Dolomiti».

Ieri tutta la provincia è stata con il naso all’insù, a scrutare un cielo che ancora nel tardo pomeriggio era solamente velato. Ma dal sito specializzato 3bMeteo.com i previsori hanno confermato le proiezioni sulle evoluzioni atmosferiche che caratterizzeranno questo lungo fine settimana. «La perturbazione arriverà – ha detto ieri il meteorologo Daniele Berlusconi di 3bMeteo –. E sarà sicuramente la più intensa di questo inverno, che finora e in particolar modo in Valtellina, a parte le località molto alte come Livigno, si è mostrato particolarmente asciutto».

«Avremo una perturbazione che porterà neve in quantitativi che a fondovalle saranno di 20, 30 centimetri, mentre si arriverà a un metro di fresca a partire dai 1500 metri di quota. Nevicherà venerdì e anche sabato seppur con precipitazioni meno intense. Sarà però un sabato ancora perturbato, con neve attesa solo in montagna, non a fondo valle».

«Domenica – ha infine annunciato – avremo un graduale miglioramento con schiarite dopo una mattina con tempo ancora nuvoloso. Le condizioni nel corso della settimana a seguire – ha infine chiarito il previsore – saranno variate. È atteso da lunedì 4 febbraio tempo bello e soleggiato, che prevarrà probabilmente anche nei giorni seguenti, con una rimonta dell’anticiclone. Poi, verso il fine settimana successivo, quello del 9, 10 febbraio, avremo nuovamente correnti fredde, vedremo se ci porteranno solo aria gelida e sterile, oppure se sarà altra neve. Di certo, nel fine settimana che si apre come precipitazioni nevose si recupererà buona parte dell’apporto mancato in questi mesi, aprendo una nuova fase dell’inverno». 


© RIPRODUZIONE RISERVATA