Mallero, volontari al lavoro a Sondrio  «Ma servono forze fresche»
Attività di pulizia del torrente Mallero svolta dai volontari del Gruppo di Protezione civile e Antincendio boschivo di Sondrio

Mallero, volontari al lavoro a Sondrio

«Ma servono forze fresche»

L’assessore Rossatti: «Per ricercare nuove “risorse” si sono aperte le iscrizioni per un nuovo corso base».

Il gruppo volontari della Protezione civile al lavoro sabato per ripulire la sponda del Mallero. All’alba una quindicina di volontari si è ritrovata per ripulire dai rifiuti e dalle sterpaglie il tratto del torrente dal ponte Matteotti a scendere. Una manutenzione dell’alveo programmata che si ripete due volte all’anno, in primavera e in autunno.

«È una collaborazione proficua quella tra il gruppo di volontari, presieduto e coordinato da Stefano Magagnato, e l’amministrazione comunale, che mira a tutelare e salvaguardare il territorio, ma soprattutto a incentivare la collaborazione dei cittadini – commenta Lorena Rossatti, assessore alla Protezione civile -. Il gruppo di Protezione civile e Antincendio boschivo di Sondrio è molto attivo, preparato ed attrezzato, però soffre la carenza di personale. Proprio per ricercare nuove “risorse” si sono aperte le iscrizioni per un nuovo corso base organizzato dalla Provincia in collaborazione con il Comitato di coordinamento volontari, che partirà in autunno con almeno 40 iscritti».

Magagnato si dice soddisfatto dell’attività di pulizia del Mallero. «Abbiamo dato sostegno, come sempre, all’iniziativa del Comune - commenta - che ci vede impegnati su vari fronti: dalla pulizia del Mallero alla sistemazione dei sentieri dopo la tromba d’aria del mese di ottobre. Nei prossimi giorni organizzeremo e sistemeremo il sentiero Mossini-Arquino dagli alberi caduti, un lavoro lungo ed impegnativo». «Vorrei ringraziare tutti i volontari delle associazioni che collaborano con il Comune per la manutenzione e la pulizia dei fiumi e dei sentieri - conclude Rossatti -. Un ringraziamento speciale ai gruppi spontanei e ai cittadini che si ritrovano e puliscono sentieri e strade in perfetto anonimato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA