Lutto a Novate e cordoglio in rete per don Mitta
Il religioso scomparso

Lutto a Novate e cordoglio in rete per don Mitta

Il funerale del religioso, per 40 anni parroco in paese, è per domani alle ore 15,30

È scomparso ieri, all’età di ottantatré anni, don Giacomo Mitta. Il sacerdote era ricoverato dal 2009 ricoverato alla Casa Madonna del lavoro di Nuova Olonio. Nato a Torre di Santa Maria, in Valmalenco, il 18 settembre 1933, è stato ordinato sacerdote nel 1960. Per cinquant’anni è stato impegnato in Valchiavenna. Nei primi anni di sacerdozio è stato vicario a Gordona e parroco a Menarola (1960-1969), poi parroco a Campo Mezzola e Cola (1969-1977) e di Novate Mezzola (1977-2009).

Tra le varie attività pastorali svolte, è stato molto attivo nell’ambito dell’animazione missionaria e collaboratore del Centro missionario diocesano. I fedeli, che nel 2010 hanno festeggiato insieme a lui i cinquant’anni di sacerdozio, lo ricordano per le qualità di sacerdote e umane: l’accoglienza senza pregiudizi, l’amicizia, l’amore per la musica e il canto, l’attenzione per le persone in difficoltà e le numerose iniziative promosse per i ragazzi. Tutte attività e sensibilità animate dalla volontà di fare crescere la comunità cristiana. I bambini del paese sono cresciuti nell’oratorio che proprio don Mitta ha voluto realizzare per offrire alla comunità, partendo dai più piccoli, un punto di incontro. Il funerale sarà celebrato domani alle ore 15,30 a Novate Mezzola. La veglia di preghiera è in programma per questa sera alle 20,30 a Campo Mezzola.

La scelta del paese della Bassa Valchiavenna per la cerimonia funebre non è casuale, visto che per 40 anni ha operato nelle parrocchie del territorio comunale, segnando in modo positivo, con la propria presenza, la vita della comunità e di più generazioni di fedeli. A dimostrazione di questo legame, ieri centinaia di persone hanno salutato il sacerdote con messaggi pieni di cordoglio e affetto sui social network. «Grazie don, sarai sempre nel mio cuore», si legge fra i molti commenti scritti da cittadini di varie località della Valchiavenna.


© RIPRODUZIONE RISERVATA