Luigi Galli si conferma campione matematico: primo anche a Parigi
Luigi Galli abbracciato, da un lato, a mamma Elena e papà Sebastiano e dall’altro al cugino Enea

Luigi Galli si conferma campione matematico: primo anche a Parigi

L’alunno di Livigno ha partecipato ai Giochi all’Université Paris-Diderot a fine agosto. «Mi sono divertito, la squadra italiana era agguerrita».

Ribalta internazionale per Luigi Galli giovanissimo, ma già supercampione. Dieci anni, originario di Livigno, alunno della scuola primaria dell’istituto comprensivo del Piccolo Tibet, Luigi, dove il prossimo 12 settembre inizierà a frequentare la classe quinta, si è egregiamente distinto nei Campionati di giochi matematici, promossi dalla Bocconi: primo nella sua categoria oltre a un brillante 35esimo posto nella classifica generale, conquistato a Parigi nei giorni scorsi.

Per l’esattezza il 29 e il 30 agosto, quando si sono svolte le competizioni all’Université Paris-Diderot. Nei due giorni parigini diverse squadre nazionali si sono sfidate a colpi di quesiti matematici e la compagine azzurra si è distinta in tutte le categorie aggiudicandosi due ori, quattro bronzi e ottimi piazzamenti in tutte le categorie in gara. Anche grazie a Luigi, per il quale logica, cifre e calcoli non hanno segreti. «Partecipare alla competizione di Parigi è stato davvero molto emozionante - ha detto entusiasta il campioncino livignasco -. La squadra italiana era particolarmente forte, affiatata e unita, così mi sono divertito molto anche a fare il tifo per i miei compagni».

Vincere, ma non solo. Anche incontrare giovani di tutto il mondo: «Questa esperienza mi ha permesso di conoscere molti ragazzi, non solo italiani, e di stringere nuove amicizie. Ringrazio l’università Bocconi, che quest’anno ha inserito la categoria di quarta e quinta elementare che, mi ha permesso di prendere parte ai Campionati». Lo scorso 12 maggio, dopo aver conquistato le semifinali dei Giochi matematici che si erano svolte a Livigno a marzo, Luigi era riuscito ad aggiudicarsi il gradino più alto del podio nella finale nazionale disputata nella sede milanese della Bocconi di Milano con un tempo record di 53 minuti e 25 secondi, classificandosi primo fra oltre mille partecipanti.

«A penalizzarlo un po’ è stato qualche piccolo errore nella traduzione del testo, ma per tutti noi si è trattato di un’opportunità unica - aggiungono mamma Elena e papà Sebastiano -. Una manifestazione bellissima a Parigi, dove, a prevalere sull’atteggiamento competitivo, è stato soprattutto il forte spirito di squadra».

«Grazie alla sua tenacia e al grande entusiasmo Luigi è riuscito a distinguersi anche in questa importante occasione - sottolinea il dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale Fabio Molinari -. Siamo molto orgogliosi di lui ed è bello sapere che il nostro territorio possa vantare eccellenze in campo scolastico. Mi auguro che continui a coltivare la sua passione per la matematica».


© RIPRODUZIONE RISERVATA