L’osservatorio di Aprica

apre le porte all’orso M25

La proposta del sindaco, dopo le polemiche dei giorni scorsi

L’osservatorio di Aprica apre le porte all’orso M25
Orfeo, l’orso ospite dell’Osservatorio eco-faunistico di Aprica

L’orso M25 ospite dell’Osservatorio eco-faunistico di Aprica?

È la proposta che il sindaco di Aprica avanza per calmare le acque di una polemica che sta infiammando dopo che il plantigrado – dopo un periodo di relativa quiete – ha creato non pochi danni agli allevatori predando il bestiame.

«Credo che questa vicenda stia sfuggendo di mano a tutti – afferma Carla Cioccarelli -. Se M25 viene catturato sono disponibile a metterlo nell’Osservatorio di Aprica, visto che l’orsa Euridice è morta e l’orso Orfeo è rimasto solo. Certo la proposta è valida se è compatibile con le condizioni di M25, che è un orso selvatico. Nell’Osservatorio troverebbe un ambiente vasto e controllato. Altrimenti rischiamo che, fra un po’, ce lo troviamo nel centro abitato a rovistare nelle pattumiere».

Leggi l’approfondimento sull’edizione de La Provincia di Sondrio in edicola il 14 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA