Livigno, un nuovo impianto di sci al Mottolino
Chiusa la stagione dello sci a Livigno iniziano i cantieri per rinnovare alberghi e impianti

Livigno, un nuovo impianto di sci al Mottolino

Il Comune ha detto sì alla realizzazione della seggiovia al passo d’Eira e alle opere in quattro hotel. Il vicesindaco Galli: «Abbiamo anche approvato la modifica del Pgt per il collegamento tra i due versanti».

Chiusa la stagione invernale, che ha segnato l’ennesimo successo di presenze, Livigno non si ferma e pensa al miglioramento della propria offerta per la prossima stagione sciistica. In quest’ottica il consiglio comunale nei giorni scorsi ha dato il via libera a un nuovo impianto di sci al Passo d’Eira, ha proposto la variante al Pgt per unire i due settori sciistici e ha consentito la ristrutturazione di quattro alberghi.

Il nuovo impianto di risalita partirà dal Passo d’Eira per giungere all’arrivo della cabinovia del Mottolino. «Sarà pronto per la prossima stagione sciistica - spiega il vicesindaco di Livigno, Remo Galli -. Ritengo fondamentale  migliorare la nostra offerta anche sugli impianti da sci. Purtroppo siamo fermi da troppo tempo e altre stazioni stanno creando nuovi collegamenti. È una bella notizia sapere che l’anno prossimo avremo una seggiovia da sei posti, che darà nuova linfa al settore. Senza contare che siamo sempre in attesa degli sviluppi per quanto riguarda l’impianto di Vallaccia».

Ma una delle priorità che l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Damiano Bormolini si è data è quella del collegamento fra i due versanti sciistici (Carosello e Mottolino), opera che farebbe compiere un salto di qualità all’offerta andando incontro alle esigenze degli sciatori, abituati a spostarsi con gli sci ai piedi. Ed anche verso questo traguardo è stato fatto un passo avanti.

«Abbiamo attivato  la  procedura di variante per provare a inserire nel nuovo  Piano governo del territorio un collegamento dei versanti  a San Rocco e di rivedere quello in centro - afferma Galli -. Per San Rocco all’amministrazione comunale piace il progetto realizzato da Fabio Peri ed Emilio Zini, invece per il centro pensiamo a qualcosa di diverso dal progetto attuale, che prevede il collegamento con un trenino sotterraneo. La procedura di variante è un passaggio cruciale,  ora inizierà un percorso tortuoso, dovremo provare a far capire a Provincia di Sondrio, Regione Lombardia e Sovrintendenza l’importanza  di autorizzare  il collegamento tra versanti. Non possiamo farne a meno. Quindi siamo pronti, i prossimi mesi saranno importantissimi e assieme ai nostri imprenditori proviamo a vincere questa sfida, anche attraverso il confronto con i cittadini».

Questo sarà il  prossimo vero obiettivo, «dobbiamo farcela - aggiunge il vicesindaco - per migliorare la nostra area sciabile, aumentare la qualità e per fare una seria politica di riduzione del traffico.  Credo che, una volta localizzato il collegamento dei due versanti, si debba realizzare al più presto un piano straordinario di parcheggi interrati dislocati in diverse zone, che permetta di rivalutare la viabilità, il nostro territorio e ridurre così l’uso delle auto».

Anche gli alberghi vogliono costantemente migliorarsi per essere al passo con i tempi. «Abbiamo dato il via libera alla ristrutturazione di quattro alberghi (hotel Centro’s, Primula, Cassana e Nevada). Come amministrazione siamo molto felici, che i nostri operatori investano nella qualità di servizi. Abbiamo espresso parere favorevole, e vogliamo continuare a sostenere gli  alberghi, con questa deroga che permette di ottimizzare gli spazi, di creare camere suite ma anche alloggi  per il personale,  e - aggiunge Galli - aumentare i servizi attraverso la realizzazione di centri fitness. La crescita qualitativa nel nostro turismo, a mio modesto parere, passa  anche da questo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA