Lecco, aggredita in stazione   Violenza sessuale su una ragazza
La stazione ferroviaria di Lecco

Lecco, aggredita in stazione

Violenza sessuale su una ragazza

Era appena scesa dal treno nel pomeriggio di lunedì

Lo sconosciuto l’ha trascinata in un parco e le ha messo le mani addosso

Violenza sessuale in pieno giorno, lunedì, in centro città.

Una ventenne che era appena scesa alla stazione ferroviaria dal treno proveniente da Milano, attorno alle 15.45, e che si stava recando a casa, è stata avvicinata da uno sconosciuto che l’ha trascinata per un braccio nei giardinetti vicini all’istituto Bertacchi e le ha usato violenza.

Stando a una prima ricostruzione dei fatti, la ragazza aveva percorso via Balicco per poi salire verso corso Matteotti quando è stata trascinata dall’uomo, uno sconosciuto che la giovane aveva però intravisto sul suo stesso treno, nei giardinetti.

L’uomo, un adulto di pelle chiara, probabilmente un italiano, le ha prima messo le mani addosso, quindi ha tentato di baciarla. Dopodiché si è abbassato i pantaloni e gli slip e ha fatto lo stesso alla ragazza: non c’è stato un rapporto intimo propriamente detto, ma comunque un atto che, codice penale alla mano, si configura come violenza sessuale. La giovane, impietrita, non è riuscita nell’immediato a chiedere aiuto, anche se probabilmente sarebbe servito a poco, dal momento che in zona, in quel momento, non c’era nessuno.

Provvidenziale è stata una telefonata sul cellulare della giovane, alla quale è riuscita a rispondere dopo essersi divincolata dalla presa del balordo.

Il servizio su “La Provincia di Lecco” di martedì 27 febbraio


© RIPRODUZIONE RISERVATA