Le scuole l’anello debole  Quarantene a Caspoggio e Grosio
Le scuole elementari di Grosio, in una foto di archivio

Le scuole l’anello debole

Quarantene a Caspoggio e Grosio

Ieri la nostra provincia, si distingueva a livello lombardo per un numero contenuto di nuovi casi Covid, solo nove sul totale regional, di 1.735.

Nulla a che vedere con il boom di positivi censiti in provincia di Milano, 633, di cui 256 a Milano città, o con l’altro dato altissimo di Varese, 239 casi, di Monza e Brianza, 196, e di Brescia, 178. Stupisce, un poco, il dato della provincia di Monza e Brianza, seconda, in Lombardia dopo Lecco per copertura vaccinale per prima dose, pari al 93,91% della popolazione target.

Tuttavia il virus sa dove colpire e punta ai nervi scoperti. A quelle fasce di popolazione o non vaccinata o non vaccinabile, fermo restando che si contagiano anche persone vaccinate, anche se per loro il rischio di incorrere nelle forme gravi di malattia è molto contenuto.

Particolarmente colpiti, in questa fase, ovunque e anche in provincia di Sondrio, sono i bambini delle scuole dell’Infanzia e delle Elementari. Non passa giorno senza che vengano a galla nuovi casi di positività con relative quarantene. Ieri a dare notizia della temporanea chiusura della scuola dell’Infanzia di Caspoggio, a causa del riscontro di una positività al suo interno, è stata l’amministrazione comunale retta da Danilo Bruseghini, sin dall’inizio sollecita nell’informare la popolazione, nell’assisterla durante l’isolamento, e nel favorirne il ricorso alla vaccinazione. A cui cittadini hanno aderito in massa, tant’è che la copertura è molto alta, pari al 95% del target. Tuttavia ad essere esposti, ora, sono i più piccoli. Appartenenti a una realtà che al Covid ha dato moltissimo, tant’è che è al primo posto in provincia per numero di contagi sulla popolazione, pari al 15,72%.

Segue Grosio al 14,78%, altro paese che sta vivendo un ritorno di Covid, tale da costringere Gian Antonio Pini, sindaco del posto, ad appellarsi al senso civico dei cittadini, rivolgendo loro, anche via Facebook, una nota scritta, in cui riferisce di «un costante e importante aumento del numero dei contagi in paese pari a 15 (lunedì, ndr), con la sospensione a titolo precauzionale delle attività didattiche di due classi delle Elementari, del locale istituto comprensivo. Tutti accusano sintomi lievi, ma la curva del contagio è in crescita. Raccomando il rigoroso rispetto delle regole che, ormai, tutti conosciamo». E.Del.


© RIPRODUZIONE RISERVATA