Le Prese-Fumero, aperto il cantiere  «Parte un’opera attesa da decenni»
Ruspe in azione per migliorare il collegamento tra Le Prese e Fumero

Le Prese-Fumero, aperto il cantiere

«Parte un’opera attesa da decenni»

Ruspe in azione per migliorare il collegamento tra le due frazioni di Sondalo. Il sindaco Grassi: «Intervento indispensabile per la sicurezza e la fruibilità per chi transita».

La nuova Le Prese-Fumero è realtà. Sono iniziati i lavori delle migliorie al collegamento fra le due frazioni di Sondalo. Il costo complessivo dell’opera è di 2 milioni e 700.000 euro, che il Comune ha a disposizione grazie ai fondi destinati ai Comuni confinanti di Trento e Bolzano. Le opere che hanno preso il via nelle scorse settimane continueranno, salvo interruzioni dovute a forti precipitazioni nevose, fino alla prossima estate.

«Con la mia amministrazione comunale siamo enormemente soddisfatti per la realizzazione di un’opera attesa da decenni e indispensabile sotto il profilo della sicurezza e della migliore fruibilità per i nostri cittadini - afferma il sindaco di Sondalo, Luigi Grassi -. Si tratta di una grande e irripetibile opportunità a beneficio di molti e per questo confidiamo nella collaborazione e comprensione dei cittadini delle frazioni di Frontale e Fumero, ai quali cercheremo di arrecare meno disagi possibili».

La strada che va da Pendosso a Fumero (ingresso per la Val di Rezzalo), passando per Frontale, si sviluppa per 5,5 chilometri con la presenza di 20 tornanti. La sua larghezza varia da 3,30 a 4,30 metri, rendendola per la sua quasi totalità inadeguata per una percorrenza a doppia circolazione. Le piazzole di scambio sono dodici e di scarse dimensioni, mentre i tornanti hanno insufficienti raggi di curvatura. La strada si sviluppa su un versante impervio con quasi 500 metri di dislivello, ed è oggetto fenomeni di caduta massi e blocchi rocciosi sgretolati, che determinano condizioni di rischio rilevanti, che minacciano costantemente e in diversi punti del tracciato il transito delle automobili e delle abitazioni.

«Inoltre la continua promozione della Val di Rezzalo ne ha incrementato sia d’estate che d’inverno la sua frequentazione, palesando la mancanza di parcheggi di arroccamento nella frazione di Fumero e confermando l’inadeguatezza e pericolosità della strada esistente», spiega il sindaco.

Sulla Le Prese-Fumero sono previsti questi interventi: l’allargamento di sei tornanti, il rifacimento delle cunette per circa un chilometro, la realizzazione di un impianto semaforico nella galleria prima della frazione di Fumero, l’allargamento della carreggiata su quasi 1,2 chilometro della strada, il rifacimento del manto stradale in particolare nella frazione di Frontale. Non solo. È in programma anche il consolidamento di alcuni tratti di muratura che manifestano gravi cedimenti, l’adeguamento di alcune aree di scambio, la realizzazione di tre nuove piazzole e quella del nuovo collettore di fognature per la raccolta di acque meteoriche nella Frazione di Frontale.

Per evitare la caduta massi sulla strada Le Prese-Fumero saranno realizzati alcuni interventi in ambito boscato, riguardanti il posizionamento di reti di placcaggio nella zona a valle dell’abitato di Frontale, una barriera paramassi e reti di placcaggio a monte della strada dell’Alpe nelle immediate vicinanze dei parcheggi esistenti in località Fontanaccia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA