Le pensiline dei bus saranno sistemate  «Così rimedieremo ai vandalismi fatti»
La fermata dell’autobus in via Roma senza ripari e coperture

Le pensiline dei bus saranno sistemate

«Così rimedieremo ai vandalismi fatti»

ValmadreraIl Comune ha stanziato 22mila euro per riqualificare le strutture in città

Alcune sono scoperchiate o semi distrutte. Molti pendolari si erano lamentati in passato

Ecco i soldi per le pensiline degli autobus: il sindaco, Antonio Rusconi, aveva promesso i lavori «entro ottobre» e, infatti, l’amministrazione destinerà quasi 22mila euro alla riqualificazione; l’iniziativa sarà votata nella seduta di lunedì del consiglio comunale; intanto è stata esaminata dalla commissione Bilancio dove, anche da parte dell’opposizione, per voce di Alessandro Leidi (Lega) è stata definita «un’ottima idea».

Il punto della situazione

Per Rusconi «le pensiline degli autobus verranno riqualificate così come promesso subito dopo il nostro insediamento»: si porrà fine ai disagi di chi attende alle fermate, scoperchiate come in via Roma o semidistrutte in diversi punti della città; il sindaco, nel risponde alle segnalazioni di chi utilizza i mezzi - attualmente senza potersi riparare, né dalla pioggia, né dal sole – ribadisce: «Non posso sottacere che questi fondi si rendono necessari perlopiù per rimediare ai vandalismi: quindi, verranno necessariamente sottratti ad altre necessità che costituiscono la spesa globale del Comune». In particolare, i 21.821 euro sono un’entrata proveniente dal ministero delle Finanze che, annualmente, assegna una sorta di compensazione ai Comuni dove risiedano frontalieri; nell’anno di riferimento per il calcolo di questo contributo, a Valmadrera abitavano 19 lavoratori con occupazione in Svizzera.

L’attacco della Lega

Sulle condizioni delle pensiline, le segnalazioni dei pendolari erano tornate a moltiplicarsi nelle scorse settimane, soprattutto per la fermata di via Roma, per il rischio di malore sotto il sole cocente soprattutto nelle ore più calde; altri avevano sottolineato la necessità di riparare le pensiline in vista dell’arrivo della brutta stagione. Sempre nella prossima seduta del consiglio comunale si approveranno 10mila euro di acquisto di materiali per la Protezione civile, ma la Lega protesta, per bocca del consigliere Flavio Nogara: «Questi e tutti gli atti del consiglio, dall’inizio della legislatura e per il futuro, sono da ritenersi inefficaci e viziati, perché sottoposti al parere di commissioni costituite irregolarmente; il parere è obbligatorio, ma le commissioni si sarebbero dovute riunire per la nomina del presidente, e diventare perciò operative, entro 15 giorni dall’istituzione avvenuta nel luglio scorso; al contrario – accusa Nogara – il regolamento è stato violato, evidentemente per superare il periodo delle ferie estive in cui alla maggioranza sarebbero mancati i numeri per supportare le nomine a sé più utili». Per il sindaco «il tema è aria fritta e rifritta: infatti, sollevato già da un altro consigliere, ha ricevuto un’esaustiva risposta dal segretario comunale e nessun rilievo è stato mosso dal Prefetto; dunque, non c’è questione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA