Le centenarie fanno a gara  Ora c’è anche nonna Amabile
Al centro Amabile Picceni

Le centenarie fanno a gara

Ora c’è anche nonna Amabile

Festa grande sabato a Lanzada per il traguardo raggiunto

dall’arzilla nonnina circondata dai parenti

Lanzada

Amabile Picceni si è meritata l’affetto e la vicinanza di figli, nipoti, pronipoti, in una parola, di tutto il parentado, dei contradaioli di Vetto di Lanzada, e di sindaco e vicesindaco, rispettivamente, Marco Negrini e Serafino Bardea.

Eh sì, perchè tutti sono accorsi a Vetto, in via Don Bepp, residenza di Amabile e del figlio Carlo, che la accudisce, per farle gli auguri per i cento anni. La giornata è iniziata alle 10, con la celebrazione della Santa Messa nella chiesetta di Vetto, da parte di don Michele Parolini, vicario in Collegiata e alla Beata Vergine del Rosario di Sondrio, e nipote di nonna Amabile, figlio di Battista. Da sempre affezionato alla nonna, al pari delle cugine Patrizia e Stefano, don Michele ne ha voluto ricordare la lucidità di mente e l’apertura di cuore, perchè, lei, nonna Amabile, non si è mai tirata indietro quando si è trattato di darsi da fare per la sua famiglia e per gli altri. E,anche sabato, si è lasciata coccolare da tutti, docile, eppure vigile, nella casa che ha condiviso, per più di 70 anni col marito, Antonio Parolini, morto tre anni fa a 101 anni.

Tutti i dettagli nel servizio su “La Provincia di Sondrio” in edicola domenica 29 novembre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA