Lavori dopo la frana «Ma il Comune non può fare da solo»
La frana che è caduta due giorni fa nella frazione di Sirta

Lavori dopo la frana «Ma il Comune non può fare da solo»

Si sgombera il materiale: L’appello del sindaco: «Gli enti superiori ci vengano in soccorso»

Dopo la frana causata da pioggia e grandine, a Forcola si contano i danni e si lavora per mettere in sicurezza il paese.

«Adesso ci auguriamo che gli enti superiori ci vengano in soccorso, perché da solo il Comune con i suoi mezzi non può riuscire a occuparsi di tutto». L’appello arriva dal sindaco Tiziano Bertolini . Ieri si è lavorato e si lavorerà nei prossimi giorni per rimediare agli smottamenti che martedì sera hanno portato massi e terra a un passo dalle case. «Si parla di circa 400 metri cubi di materiale caduto sulla strada di Sirta che porta al cimitero, via Campelli, e 200 metri cubi sulla mulattiera in Val Fabiolo che conduce a Sostila- precisa il sindaco- si sta procedendo allo sgombero del materiale con l’ausilio in quota dell’elicottero per intervenire dove il corpo franoso ha ceduto riversando i massi sulla mulattiera. Poi- aggiunge- bisognerà pensare al consolidamento dei muri, alla regimazione dei canali e al taglio delle piante secche oggi ben visibili, nonché alla messa in sicurezza del versante eroso dall’incendio dei mesi passati: una situazione a rischio, in balia degli sbalzi climatici che avevamo già fatto presente allora. Da soli però non possiamo fare miracoli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA