Lavori alla diga di Valgrosina: due settimane per lo svaso
La diga di Valgrosina al centro dell’intervento previsto di A2A

Lavori alla diga di Valgrosina: due settimane per lo svaso

Le operazioni, nel corso delle quali sarà trasportata una parte del materiale depositato, si rivelano necessarie per il mantenimento della piena funzionalità degli organi di scarico dell’invaso.

Come previsto dal progetto di gestione e dallo specifico piano operativo, A2A darà avvio lunedì alle attività di svaso della diga di Valgrosina.

Le operazioni, nel corso delle quali sarà trasportata una parte del materiale depositato, si rivelano necessarie per il mantenimento della piena funzionalità degli organi di scarico della diga. L’obiettivo di questo intervento che va a migliorare la situazione di una delle strutture più apprezzate anche da un punto di vista paesaggistico è quello di garantire la sicurezza degli impianti e del territorio, ovviamente nel totale rispetto dell’ambiente.

Le attività che scattano nei prossimi giorni si completeranno nell’arco di due settimane. Il Piano Operativo relativo alle operazioni di svaso è stato oggetto di verifica e di approvazione a cura degli enti preposti in sede di conferenza di servizi, appositamente convocata per esaminare proprio la documentazione relativa.

L’andamento delle operazioni sarà monitorato dall’Osservatorio costituito da rappresentanti di Regione Lombardia, Provincia di Sondrio, Arpa, Ups, A2A. In fase conclusiva, A2A effettuerà opportuni rilasci d’acqua per effettuare la pulizia degli alvei. Prima e dopo lo svaso, nei corpi idrici interessati dalle attività sono previsti il monitoraggio chimico-fisico delle acque e la valutazione della struttura e della qualità dell’habitat fluviale.

L’attività, come le analoghe eseguite negli anni precedenti, è stata predisposta sulla base delle precedenti similari esperienze. Tutto questo anche grazie alle sinergie con tutti gli Enti coinvolti. Proprio questa unità di intenti che sta alla base dell’operazione pronta a decollare ha consentito di ottimizzare il rapporto tra le esigenze impiantistiche, di sicurezza del territorio e di protezione e sostenibilità ambientale, nel pieno rispetto della normativa vigente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA