L’astronauta Nespoli sarà a Sondrio Festival: «Grande opportunità»
Nespoli sarà alla Mostra internazionale dei documentari sui parchi per la serata di venerdì 22 novembre e nella giornata di sabato 23

L’astronauta Nespoli sarà a Sondrio Festival: «Grande opportunità»

Macchina organizzativa in piena attività. Oltre seimila alunni già iscritti al programma didattico. «I nostri messaggi rivolti soprattutto ai più giovani».

Ha accompagnato adulti e ragazzi a scoprire gli ambienti naturali di tutto il mondo, quest’anno porterà il pubblico a guardare la Terra dallo spazio attraverso la testimonianza di chi lassù ha passato 313 giorni, in tante missioni.

Per l’edizione 2019 il Sondrio Festival avrà fra i suoi ospiti l’astronauta Paolo Nespoli, che sarà alla Mostra internazionale dei documentari sui parchi per la serata di venerdì 22 novembre e nella giornata di sabato 23: un insegnante d’eccezione per i ragazzi che partecipano all’attività didattica legata al festival, una persona con molte storie da raccontare per tutto il pubblico delle serate al Teatro Sociale. L’annuncio è arrivato in questi giorni da Assomidop, che sta sistemando gli ultimi dettagli organizzativi del programma didattico che da sempre è uno degli elementi portanti del festival: come nelle ultime edizioni, le attività saranno itineranti e coinvolgeranno le scuole di tutta la provincia, con undici giornate, oltre seimila alunni già iscritti e una ventina di centri coinvolti.

Dall’11 al 15 novembre Sondrio Festival sarà “in tour” sul territorio, dal 18 al 23 novembre le attività si terranno a Sondrio, fra il Mvsa, palazzo Martinengo, il Teatro Sociale, palazzo Guicciardi e due tensostrutture allestite in piazza Garibaldi. «L’attività con le scuole rappresenta una parte imprescindibile di Sondrio Festival a cui teniamo particolarmente - sottolinea Marcella Fratta, assessore alla Cultura e presidente di Assomidop -, poiché i messaggi che la manifestazione lancia sono rivolti innanzitutto ai più giovani. Il loro entusiasmo è contagioso e siamo felici di poterli accogliere a Sondrio e di organizzare attività sul territorio. Il tema della tutela ambientale è più che mai d’attualità e la novità è rappresentata dall’intraprendenza dei ragazzi, a loro vogliamo fornire nuovi stimoli». Per mettere in campo le attività didattiche servono «sforzi notevoli» sul piano economico e organizzativo, rimarca l’assessore, ma «sono in tutto ripagati dall’entusiasmo dei ragazzi».

E anche quest’anno le proposte di Sondrio Festival saranno all’insegna del motto “imparare divertendosi”, con attività improntate all’“edutainment”, l’intrattenimento educativo. «Partiamo dalla divulgazione per arrivare all’educazione - spiega Simona Nava, direttore di Sondrio Festival -. La conoscenza del territorio e degli ambienti naturali è fondamentale per far crescere una nuova coscienza ecologica e maturare la consapevolezza del ruolo che ciascuno di noi deve svolgere per la conservazione della natura». E quest’anno a proporre una prospettiva differente ci sarà anche Nespoli, che sarà fra i protagonisti di un convegno in calendario per sabato 23 novembre: la sua presenza è possibile grazie al contributo del Bim, spiegano da Assomidop, e il presidente del Consorzio Alan Vaninetti si è detto «orgoglioso di poter offrire ai ragazzi l’opportunità di ascoltare un astronauta e di confrontarsi con lui». Alla Midop manca ancora più di un mese ma c’è già un appuntamento speciale da segnare in agenda.


© RIPRODUZIONE RISERVATA