Lanzada, si improvvisano alpiniste: ora rischiano di pagare i soccorsi
Sul posto anche i militari del Sagf della Guardia di finanza (Foto by archivio)

Lanzada, si improvvisano alpiniste: ora rischiano di pagare i soccorsi

Una grave imprudenza sul ghiacciaio dello Scerscen Superiore che poteva risultare fatale

Mamma e figlia di Como si sono improvvisate alpiniste e, prive di adeguata attrezzatura, sono scivolate in un crepaccio del ghiacciaio dello Scerscen Superiore, a 3200 metri di quota, nel territorio comunale di Lanzada. Per salvarle hanno dovuto mobilitarsi numerosi uomini del Soccorso alpino della VII Delegazione di Valtellina e Valchiavenna e militari del Sagf della Guardia di finanza, oltre all’elicottero.

Un’imprudenza che hanno rischiato di pagare con la vita e che ora, probabilmente, pagheranno con il portafoglio. Il Sagf e i carabinieri di Chiesa in Valmalenco, infatti, ora indagano per accertare se, come sembra da un primo rapporto dei soccorritori, le due donne, sprovviste anche di picozze e ramponi adeguati, non avevano la necessaria attrezzatura. Se si dovesse confermare questa ipotesi, dovranno pagare di tasca loro i costi dei soccorsi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA