Lunedì 15 Settembre 2014

Ladri scatenati a Livigno

Raffica di furti nella notte

Sono i carabinieri ad indagare sui furti messi a segno la notte scorsa

Raffica di furti nella notte fra venerdì e sabato a Livigno. Sono stati derubati un distributore di benzina, un paio di campeggi, un ristorante e i ladri sono entrati anche in due alberghi chiusi. L’ondata di furti ha visto sparire anche una Fiat Panda dei titolari del ristorante Baita Veglia verso la Forcola, ritrovata poi nella parte opposta del paese, in zona Passo del Foscagno.

I

La banda ha invano tentato di entrare al ristorante Baita Veglia, come rivela il titolare, Sergio Cusini: «Già due anni fa avevo subito un furto e quindi mi sono premunito con un sistema di allarme e con finestre anti sfondamento. I ladri hanno tentato di entrare dalla finestra, ma non ci sono riusciti, hanno invece rubato l’auto di mia sorella che è stata poi ritrovata in zona Foscagno». L’orario di inizio della razzia pare sia stato le cinque del mattino. Dopo aver rubato l’auto al Baita Veglia, sempre in zona Forcola, i malviventi hanno dato l’assalto al distributore della Q8, ma pare sia siano dovuti accontentare di un misero importo pari a poche centinaia di euro. Sotto i cento euro anche l’entità del furto nel campeggio vicino al Baita Veglia, la Stella Alpina, dove sono entrati dalla finestra.

L’altro campeggio visitato è l’Acqua Fresca, ma qui non si sa se si siano o meno riusciti a rubare. È andata peggio al ristorante Camino, siamo sempre in zona Forcola, gestito da Luca Galli, nel quale i ladri sono riusciti a portare via l’incasso della serata. I ladri si sono poi spostati in zona Teola, dove sono entrati in due alberghi chiusi da diversi giorni e quindi le casse erano vuote. L’albergo Intermonti in questi giorni ha la sola presenza del personale, impegnato nelle pulizie di fine stagione prima della chiusura in vista dell’inverno. Era chiuso anche il Parè, il tre stelle gestito dal gruppo Lungo Livigno, vicino alla discoteca il Cielo.

© riproduzione riservata