Ladri in azione durante la notte. Ma i due colpi non vanno a segno
Sono i carabinieri a indagare sui due episodi

Ladri in azione durante la notte. Ma i due colpi non vanno a segno

Ad allontanarli è stata la presenza dei proprietari di casa. Il fatto si è verificato lunedì sera, fra le 20 e le 21, nell’abitato di Ere, una delle frazioni in piano, con Ronco e Villapinta, di Buglio in Monte.

Un altro tentato furto in bassa valle: i ladri cercano di entrare in un’abitazione a Ere, località che fa parte del Comune di Buglio in Monte. Ad allontanarli è stata la presenza dei proprietari di casa. Il fatto si è verificato lunedì sera, fra le 20 e le 21, nell’abitato di Ere, una delle frazioni in piano, con Ronco e Villapinta, di Buglio in Monte.

All’interno dello stabile uno dei proprietari che fortunatamente era in casa ha notato, guardando dalla finestra le ombre di alcuni sconosciuti che, a loro volta, devono essersi accorti di non essere soli. Per questo motivo i malintenzionati se la sono data a gambe levate scappando verso i prati e facendo così perdere le proprie tracce. L’episodio di lunedì sera non è l’unico che si è verificato in zona nelle ultime ore. Anche domenica scorsa si è registrato un tentato furto fra le frazioni di Buglio e Pedemonte di Berbenno; anche in questo caso la famiglia che si è svegliata in piena notte accendendo le luci di casa dopo avere sentito alcuni rumori sospetti ha evitato che il furto potesse essere messo a segno.

Entrambe i fatti sono stati riferiti alle forze dell’ordine immediatamente dopo il loro verificarsi. Proprio le forze dell’ordine in queste settimane hanno intensificato i passaggi anche in questa fetta di valle, in particolare nella zona che da Ardenno sino a Berbenno, comune questo dove negli ultimi mesi i furti sono aumentati. E aumentano anche i gruppi sui social network creati dai residenti sempre più allarmati dalla presenza dei topi d’appartamento.

L’obiettivo è basarsi sul passaparola via internet per condividere informazioni sul passaggio di persone sospette, ma c’è chi fra gli iscritti ai gruppi- dove il minino comune denominatore è la sensazione di mancanza di sicurezza- inneggia alle ronde o ai controlli da parte dei cittadini. Che il fenomeno dei furti in casa sia sentito lo hanno sottolineato anche gli amministratori comunali. A questo proposito in Bassa Valle la Comunità montana sta pensando al nuovo sistema di polizia associata e al nuovo sistema di videosorveglianza mandamentale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA