Ladri in azione a Berbenno. Controlli mirati sul territorio
Il furto non è riuscito per la presenza alle finestre di vetri antisfondamento

Ladri in azione a Berbenno. Controlli mirati sul territorio

Tentato furto martedì notte a Regoledo - Paese in allerta. Il sindaco: «Chiesti al prefetto pattugliamenti nella zona e a San Pietro»

Hanno cercato di rompere il cristallo della finestra di una delle abitazioni in fondo all’abitato di Regoledo di Berbenno, ma gli è andata male: il vetro antisfondamento ha retto e così ai ladri non è rimasto altro da fare che andarsene a mani vuote prima che qualcuno si svegliasse e allertasse le forze dell’ordine. Il tentato furto è stato denunciato ieri mattina ai carabinieri da parte di un uomo, residente nella frazione di Berbenno, che al risveglio ieri mattina si è accorto di quanto accaduto. La notizia si è subito diffusa in paese, anche perché un amico della vittima non ha esitato a postare su Facebook la foto della finestra coi segni del tentativo di effrazione, invitando i concittadini a stare in allerta. «Fate girare la voce - ha scritto sul gruppo pubblico “Sei di Pedemonte se...” - che se han preso di mira il comune magari per qualche giorno rimangono in zona». Del fatto è stato subito informato anche il sindaco Valerio Fumasoni: «Da tempo non si registravano furti in paese e mi risulta si tratti fortunatamente di un episodio isolato - spiega - certo è che l’attenzione su questo tema da parte nostra è sempre alta». Proprio negli scorsi giorni a Berbenno sono stati ultimati i lavori di installazione di nuove telecamere del sistema di videosorveglianza attivo sui territori dei Comuni riuniti nella Convenzione di polizia associata di Media valle (oltre a Berbenno ci sono Castione, Colorina, Cedrasco, Fusine e Postalesio). Purtroppo nella zona in cui è avvenuto il tentativo di effrazione non ci sono telecamere, «ma siamo pronti a mettere a disposizione le riprese delle altre zone del paese, per verificare eventuali passaggi di auto sospette - spiega il sindaco - se le forze dell’ordine ne avessero bisogno per le loro indagini». Certo è che dopo questo episodio la zona di Regoledo verrà tenuta sotto particolare osservazione da parte delle forze dell’ordine. «Proprio nei giorni scorsi - spiega Fumasoni -, come gli altri sindaci della provincia ho ricevuto dal prefetto la richiesta di individuare eventuali criticità presenti sul territorio del paese, in vista di una intensificazione dei controlli anche con pattuglie in arrivo da fuori provincia. Alla luce di quanto accaduto risponderò domani (oggi per chi legge, nda) al prefetto segnalando la zona di Regoledo e il sottopasso pedonale a San Pietro Berbenno, dove si sono verificati diversi atti vandalici, come scritte sui muri e danneggiamenti alle lampade, e più cittadini hanno segnalato al Comune la presenza di assembramenti di persone che creano una certa preoccupazione, soprattutto tra i pendolari che utilizzano il treno e si servono del sottopasso nelle ore serali».
Già da qualche tempo per la verità nella zona del sottopasso sono stati intensificati i controlli, «sia da parte dei carabinieri che dei nostri vigili - precisa il sindaco -, ma se c’è la possibilità di ottenere ulteriori pattugliamenti con personale esterno ben vengano: ringrazio il prefetto per aver coinvolto anche noi sindaci per la predisposizione di servizi mirati sul territorio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA