La tutela del fiume Adda  Investimenti per 50 milioni
Il ministro Gian Marco Centinaio nella sede della Comunità montana di Sondrio

La tutela del fiume Adda

Investimenti per 50 milioni

Chiuso ieri con la firma il piano d’azione promosso già nel 2014

Presente il ministro Centinaio: «Un esempio per tante altre comunità»

Un piano d’azione che si articola in 77 interventi, per più di cinquanta milioni di euro di investimenti, di cui il 75% già finanziati, condiviso da 69 soggetti pubblici e privati, una quarantina dei quali istituzioni e i restanti associazioni della nostra provincia.

In soldoni questo è il “Contratto di fiume dell’alto bacino del fiume Adda”, che ieri è stato sottoscritto nella sala riunioni della Comunità montana di Sondrio, alla presenza del ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio, dell’assessore regionale agli Enti locali, Montagna e piccoli Comuni Massimo Sertori e del presidente della Cm Tiziano Maffezzini

Come ha spiegato Maffezzini, «questa firma è il punto di arrivo di un processo promosso dalla Comunità montana e iniziato a fine 2014, avviato poi con un manifesto di intenti nel 2015, con l’obiettivo di tutelare e valorizzare il territorio e l’ambiente paesaggistico e fluviale dell’intero bacino dell’Adda», oltre 100 chilometri di corso d’acqua. «Più di 60 sono i soggetti che hanno condiviso questo percorso - ha proseguito Maffezzini -, che è partito dalla conoscenza dell’ambiente fluviale». Secondo il numero uno della Cm, «un’azione coraggiosa, perché non è facile condividere un programma di iniziative tra così tante realtà».


© RIPRODUZIONE RISERVATA