La richiesta ufficiale  «Tappa del Giro d’Italia  con arrivo a Motta»
Il Giro d’Italia a Chiavenna nel 2009

La richiesta ufficiale

«Tappa del Giro d’Italia

con arrivo a Motta»

Ieri l’ultimo sopralluogo sulle strade poi è stata formalizzata la candidatura della Valle: arrivo previsto all’Alpe Motta, a Campodolcino

Con un anno di anticipo rispetto ai progetti iniziali. La Valchiavenna potrebbe ospitare già in primavera l’arrivo di una tappa del Giro d’Italia dei professionisti. Lo ha reso noto ieri il Consorzio Turistico della Valchiavenna che ha ufficializzato la candidatura della valle.

«Prosegue il progetto per lo sviluppo del cicloturismo in Valchiavenna, fortemente voluto dalla Comunità Montana insieme alla Provincia di Sondrio, grazie al quale si sta lavorando alla candidatura di una tappa del Giro d’Italia professionisti. Si è tenuto nella giornata di ieri il sopralluogo del Giro d’Italia, con la responsabile Giusy Varelli,  con un primo incontro conoscitivo presso la Comunità Montana della Valchiavenna».

Un passaggio fondamentale in vista della presentazione della gara che prenderà il via l’8 maggio dalla Sicilia. Presenti all’appuntamento, insieme al presidente della Comunità Montana Davide Trussoni, Roberto Nella per la Provincia di Sondrio, il comitato tappa formato da PierLuigi Negri ed al Consorzio Turistico della Valchiavenna, il sindaco di Campodolcino Enrica Guanella, il sindaco di Madesimo Daniela Pilatti e il Consorzio Turistico di Madesimo.

«Durante l’incontro si è discusso dell’importanza per la nostra valle di un’opportunità come l’arrivo di tappa,  per proseguire il progetto che già ha contribuito ad affermare la Valchiavenna come meta prediletta anche per gli amanti delle due ruote.

Ricordiamo infatti l’arrivo di tappa a Montespluga con il Giro d’Italia under 23, l’iniziativa Spluga da capogiro con la strada del Donegani chiusa ai veicoli tutte le domeniche da giugno a settembre,  e il ritiro preparatorio della squadra ciclistica di Ivan Basso e Alberto Contador, Kometa cycling team». Ma dove dovrebbe arrivare la tappa? Non a Montespluga, come si era pronosticato finora. Fino a quando il progetto prevedeva di portare in valle prima il Giro dei giovani, quindi quello femminile e il prossimo anno quello dei Pro. La scelta, invece, è caduta sull’Alpe Motta di Campodolcino.

Vedremo ora se la candidatura sarà accolta. In caso di responso positivo Gli ultimi 25 chilometri di tappa vedranno gli atleti risalire la Statale 36 fino a Madesimo e, quindi, imboccare la strada intercomunale che porta ai 1.700 metri dell’alpeggio di Campodolcino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA